***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

giovedì 16 ottobre 2014

OLTRE LA VECCHIA PORTA

la prima volta, un anno fa,
superata la soglia della centenaria signora di sasso,
lo stupore ci colse.








Tra rottami,
polvere, ragnatele grosse come stracci , assi sconnesse, vecchi attrezzi per la campagna, sedie sgangherate e altro ciarpame....










... lo sguardo cadde su un paio di letti di ferro appoggiati malamente a una parete.  







Guardando più da vicino, sotto la sporcizia e la ruggine, mi sono subito sembrati parecchio interessanti.

























Senza dar retta allo scetticismo di chi riteneva il loro restauro una "mission impossible", lo scorso autunno ne ho portato a casa uno- quello con i medaglioni dipinti-





e dopo una sommaria spolverata l'ho messo a riposare in garage dove è rimasto tutto l'inverno.






Un paio di settimane fa ho 
iniziato a lavorare. 

Date le condizioni sembrava davvero una missione impossibile: graffi, ruggine, parti completamente mancanti...
Ma non mi sono persa d'animo e mi son buttata nel lavoro con l'entusiasmo del principiante ,  consapevole che avrei anche potuto rovinarlo definitivamente.

Fase 1: trattamento della ruggine con un prodotto che la trasforma in pellicola protettiva (Ferox) e verniciatura del retro e delle cornici.

Fase 2: restauro dei pannelli e dei medaglioni utilizzando pazienza e colori acrilici. Alcune imperfezioni (macchioline nere nei medaglioni) le ho lasciate di proposito.
Una settimana di lavoro ed  ecco il risultato finale. 
Sono abbastanza contenta.


57 commenti:

  1. Hai fatto un lavoro straordinario!!! Ma dove hai imparato queste tecniche??? Complimenti davvero!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Me le sono un po' inventata andando per tentativi e leggendo qualche info nel web.

      Elimina
  2. Non finirai mai di stupirmi, devi avere una bacchetta magica nascosta da qualche parte... il risultato è fantastico!
    Tante serene e gioiose giornate a tutti
    nonnAnna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No, niente bacchetta. L'interesse fa da molla.

      Elimina
  3. Complimenti! Bellissimo risultato.

    RispondiElimina
  4. Immagino ci sia voluto un bel coraggio per entrare la prima volta. E una pazienza da certosino per il restauro. Ma ottimo il risultato.

    RispondiElimina
  5. Cara Sandra, credo che non è possibile non farti i complimenti!!!
    Non finisci mai di sorprendere, una raffinatezza che solo una professionista seria da fare.
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
  6. BELLISSIMI!!
    Hai fatto un lavoro davvero magnifico...BRAVA e COMPLIMENTI!
    Un abbraccio
    Bida

    RispondiElimina
  7. Senza parole! Mi emoziona pensare a quante altre deliziose novelle inerenti alla "centenaria signora di sasso" potresti raccontarci nei prossimi tempi a venire :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, cercherò di "deliziarvi" ...ah...ah...ah!

      Elimina
  8. grandioso, non ci sono altri aggettivi....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, direi che mi accontento ...ah...ah...ah!

      Elimina
  9. Sandra, hai fatto un magnifico lavoro ed ottenuto un ottimo risultato.
    Dalle mie parti si dice: "L' a una cârta par tot i zugh", quando una persona se la cava bene in tutto quello che intraprende.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un po' come il nostro "l'è l'as ed briscola"
      Grazie, Krilù, che onore.

      Elimina
  10. Bravissima Sandra.Il post e le immagini mi piacciono molto (anche il lavoro che hai fatto). Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Belle sono le cose vecchie che hanno una storia da raccontare. Ci capiamo.

      Elimina
  11. Vivi insieme con la natura! Che belleze favolose e che gioia vedere il tuo nipotino!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. I nipoti sono davvero una gioia, è vero. Ciao Kati. Grazie

      Elimina
  12. Ma che brava.... e con quanto gusto hai fatto un restauro non invasivo....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Da perfetta profana principiante , son contenta.

      Elimina
  13. bravaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaaa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazieeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeeee

      Elimina
  14. Ridare vita agli oggetti che hanno vissuto storie di famiglia,vale davvero l'impegno che richiede questo lavoro di mente, di abilità e di cuore!
    Un saluto
    Marilena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai centrato l'argomento. Grazie Fata

      Elimina
  15. Complimemti!!! L'hai sistemato davvero bene!
    Cinzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A me piace il risultato; Grazie Cinzia.

      Elimina
  16. Fatica ripagata! Ciao, Arianna

    RispondiElimina
  17. ma brava Sandra.. chi la dura la vince.. operazione riuscita ottimamente direi..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se penso a com'era ridotto...dai...è venuto abbastanza bene.

      Elimina
  18. Complimenti soprattutto perchè non ti sei persa d'animo...chi la dura la vince, è proprio vero, Sandra !

    RispondiElimina
  19. Splendido lavoro Sandra!
    Sei bravissima.

    Buona serata.

    RispondiElimina
  20. "nonna qui è tutto da aggiustare" è una tenerezza da premio oscar!
    E nonna aggiustò. Ma aggiustò sapientemente e con amore, cosicché il risultato fu doppiamente meritevole di plauso. Brava Sandra!! ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, quella esclamazione spontanea di Filippo è diventata ormai un aneddoto di famiglia. Che amore. Grazie Angelo.

      Elimina
  21. mi ha fatto ricordare delle scorribande nei vecchi casolari da bambina per cercare "piccoli tesori" e per il tuo restauro.....che dire ti meriti un bel 10 con lode....minuzioso....fatto con tanta pazienza e precisione....bravissima..glo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. A chi lo dici, Gloria. Soffitte e cantine di una volta....indimenticabili!

      Elimina
  22. hai fatto un bellissimo lavoro è emozionante vedere quelle immagini del prima e del dopo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non ho ascoltato chi voleva buttarlo. Penso di aver fatto bene.

      Elimina
  23. Anche restauratrice!!!! Bene, bene, complimenti , cara donzella!!!! A prestissimooooooooooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Beh, non esageriamo. Magari se lo vede da vicino un vero restauratore....inorridisce. A presto Erika, a Milanoooooo

      Elimina
  24. Sempre detto che sei un genio!
    Cri

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ahahaha...incompresa....ma sempre genio....ahahahah
      Grazie Cristià

      Elimina
    2. Perchè ti ho persa, allora, se avevo già commentato? BAH
      Cri

      Elimina
  25. Non solo sei un genio, non solo sei determinata: tu sei POSITIVA. Qualità felicissima che consente a te di non scoraggiarti mai davanti ad alcuna "mission impossible"; e, ne sono sicura, che rende assai gradevole la vita a chi ti sta accanto!

    RispondiElimina
  26. Fa veramente piacere vedere questi esempi d'impegno che danno ottime soddisfazioni
    Complimenti Sandra

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...