********************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
********************************************************************************************************************************************************************************

lunedì 5 maggio 2014

QUANDO VIRTUALE E REALE SI INTRECCIANO

ECCO COSA PUÒ SUCCEDERE


Una bellissima giornata nella suggestiva Ferrara.
Le nostre facce dicono molto di più di ogni possibile parola.
Grazie a tutti gli amici blogger che hanno partecipato.
Invito a visitare le pagine delle mie (ben più meritevoli di me) due colleghe nonché DONZELLE-WEB:
Erika , per godere del magnifico e dettagliato resoconto di questo nostro nono incontro;
- Ambra , per accedere al dettagliato elenco di tutti gli incontri svolti fino ad oggi.
ALLA PROSSIMA VOLTA

lunedì 14 aprile 2014

CENTO PASSI A FERRARA


Basteranno cento passi per l'itinerario di domenica 4 maggio che abbiamo scelto su Ferrara?
Mappa itinerario nel centro medievale
Chissà. Forse sì. Ma chi non vuole cimentarsi con la marcia ci aspetterà alle 13:00 al ristorante.
ore 11:00  
Appuntamento in piazza Castello. 
Punto d'Incontro: Ingresso Principale.

Entreremo nel Castello per uno sguardo anche al cortile.

mercoledì 2 aprile 2014

APPUNTAMENTO A FERRARA

 PER IL 9° INCONTRO BLOGGER 
domenica 4 maggio 2014
Monumento equestre in bronzo a Niccolò III, marchese della corte estense del Quattrocento

Ne è passato di tempo, dall’ultimo incontro a Milano.
Era allora autunno inoltrato ed ora è la primavera ad incantarci.
Ferrara, Città d’Arte, Città tra Medioevo e Rinascimento, Città di terra e di acque e infine Patrimonio dell’ UNESCO.
Perché non sceglierla come luogo d’incontro tra noi? Luogo di bellezza ben degno di ospitarci.
L’idea è di organizzare anche questa volta, per chi ne avesse voglia, un tour nell’intrigo delle sue stradine, fino a ritrovarci all’ora di pranzo con tutto il gruppo al RistoranteCa’ d’Frara, in pieno centro, in via del Gambero 4.
Il tour ve lo proporremo più in là, ma nel frattempo vogliamo allietarvi con i piatti del sontuoso menu della tradizione ferrarese.
Gli antipasti
Antipasto tipico con sott’oli e “Pinzin”
Bis di primi piatti
Cappellacci di zucca al ragù e
Pasticcio alla Ferrarese
Bis di secondi piatti
Lonzino in concia al forno all’Estense
Assaggio della “Salama da Sugo”con puré
Patate vecchia maniera e Contorno di stagione
Il dolce
Delizia di Ferrara (composizione di dolci tipici e crema fritta)
E naturalmente
Acque minerali, Vino della casa, Caffè
al costo di € 31,00 a persona
il prezzo include 1 € in più a testa per la mancia.
Noi siamo entusiaste all’idea di ritrovarci ancora una volta e speriamo sia la stessa cosa anche per voi.
A Ferrara, dunque, domenica 4 maggio!
Le tre donzelle web
Ambra - Erika - Sandra


domenica 9 marzo 2014

FINESTRA SULL'ALBERO

La luce di primavera
non ha uguale nell'anno,
in un'altra stagione.

All'arrivo di marzo sui campi solitari
si diffonde un colore sconosciuto
alla scienza, che l'anima sa cogliere.

Si sofferma sul prato,
mostra il remoto albero
sul remoto pendio,
sembra quasi parlarti.

Vanno via gli orizzonti,
danno annunci i meriggi
senza formula sonora
lei passa e noi restiamo.

Quasi un senso di perdita
macchia la nostra gioia,
come un vile commercio
vìola un sacramento.
Emily Dickinson

mercoledì 19 febbraio 2014

PICCOLI TESORI

     La pentola di alluminio borbotta sul fornello a gas e riempie di profumato vapore la piccola cucina. 
     La mamma, assorta nei suoi mille pensieri, sorveglia le grosse bolle che la zuppa di pane produce e tiene  a bada gli schizzi di brodo bollente manovrando con sapienza  il cucchiaio di legno.
     Il suo sguardo stanco ritrova luce posandosi sulla bimba che saltella nei pressi della stufa accesa ; le sta dicendo che fa freddo  e che  i calzettoni di lana non dovrebbero essere a ridosso delle caviglie ma ben tirarti fin sotto le ginocchia, quando la maniglia della porta - che non è  mai chiusa a chiave - si abbassa e il babbo entra insieme a una gelida folata di aria della sera.
     Ha un sorriso dolce, sornione e una mano occupata a reggere il cesto di legna che ogni sera porta dalla cantina fino su al quarto piano; l'altra mano è affondata nella tasca sinistra del ruvido cappotto nocciola dal disegno spinato. 
     Il borbottio della pentola si fonde di colpo con un misterioso e prolungato suono metallico proveniente da quella tasca.
     La bimba non saltella più e guarda il babbo che le sorride, le sorride con le labbra e anche con quei suoi bellissimi occhi azzurri: lei ora lo sa , è sicura che da quella tasca uscirà ... cosa uscirà mai...?
     Non saltella più e aspetta. 
   Aspetta e "ascolta", insieme a quel suono metallico, il dialogo muto di babbo e mamma; è un dialogo di  eloquenti e rapidi sguardi tra loro ... " ...ma cos'hai comprato mai? ...lo sai che si deve risparmiare..."...sì lo so, non avrei dovuto, ma..."

Da quella tasca uscì un gattino di latta caricato a molla che correva e si rotolava sul pavimento portando con sé una pallina colorata.
Per me, che ricevevo un solo giocattolo all'anno la notte della Befana, quella sera di febbraio del 1955 è una nitida fotografia a colori nella memoria del cuore. 
E quel gattino di latta è tra i miei tesori più preziosi.

lunedì 17 febbraio 2014

ARTE POSTALE - GLI SCAMBI CONTINUANO

"Sogni persistenti"
Sandra Maccaferri
Acquarello, collage, penna a sfera
su carta Fabriano da 300 g.
Mail Art da me spedita all'artista padovana Maria Teresa Cazzaro
che come me fa parte di IUOMA

Questa la sua Mail Art per me:
Grazie Maria Teresa

venerdì 31 gennaio 2014

GEMINIANO E LA NEBBIA CHE CI SALVÒ

Il personaggio a sinistra - nel polittico di Simone Martini - è Geminiano,il santo protettore di Modena, la mia città.
Il bel libro di pietra - la cattedrale patrimonio dell'Umanità insieme alla Torre e alla Piazza Grande- è la sua casa,

 la casa di Geminiano.


I modenesi, credenti e non , sono molto legati alla figura di quest'uomo vissuto nel lontano quarto secolo dell'era cristiana; talmente tanto legati da autodefinirsi  "Zemiàn", Geminiani, se nati entro le mura cittadine.
Una delle più famose e belle leggende legate a questo santo è magistralmnete raccontata da Giancarlo Silingardi nel suo libro "Modena nei secoli"; libro che ho spesso letto alle mie classi con grande successo di ascolto da parte dei bambini.
Una narrazione conosciuta da tutti, qui a Modena. lo ho la fortuna di ricordarla narrata dalla voce  di mia nonna .

Il 452 d.C., Geminiano era morto già da alcuni decenni, ... "...fu l'anno della grande paura in tutta Italia. Gli Unni, barbari terribili, cavalcarono al di qua delle Alpi, incendiarono case, distrussero città. Il cielo si tinse di rosso. 

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...