***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

giovedì 5 agosto 2010

GNAMMMM !

Sformatini di salmone e ricotta
Per sei ciotoline monoporzione occorrono 50 g. di Parmigiano Reggiano grattugiato, 100 g. di panna fresca, 400 g. di ricotta, alcune foglie di basilico, 5 foglietti di colla di pesce e 250 g. di salmone affumicato e affettato.

Si mette ad ammorbidire la colla di pesce in acqua fredda per una decina di minuti, poi la si strizza per benino e si unisce alla panna e al parmigiano. Mescolando accuratamente si fa sobbollire per cinque minuti poi si spegne il fuoco e si lascia raffreddare.

Nel frattempo si foderano quattro ciotoline con la pellicola trasparente  e con il salmone a fette, tenedone da parte alcune.
Al composto raffreddato, usando una frusta, si uniscono: la ricotta,il basilico tritato, il salmone rimasto, sminuzzato grossolanamente. 
Si assaggia per aggiustare il sale, si aggiunge una spolveratina di pepe e si riempiono le ciotoline ricoprendole con la pellicola che deborda.




Debbono rimanere in frigorifero tre o quattro ore prima di poter essere sformate ...e GUSTATE!




Qusti deliziosi sformatini hanno costituito l'antipasto della divertente cenetta con gli amici Claudio e Fiorenza, ieri sera: un simpatico ed allegro "revival" delle vacanze, per noi, da poco terminate.
Avevo anche preparato PENNETTE GAMBERI E ZAFFERANO  (che ho già descritto in un post precedente) e  Coda di rospo al cartoccio  (o Rana pescatrice)   seguendo la ricetta trovata nel web. 

E, a proposito di estate, un granello tra la sabbia dei ricordi: avevo più o meno dodici anni ed ero stracotta di un biondino di nome Ivan.
Il quale, ovviamente, non lo sapeva.

9 commenti:

  1. ...e il vento a poco a poco
    se l'è portato via con se..
    accidenti che tempi!!!!

    ------------
    per lo sformatino...grazieeee...lo proverò! ciaooo Sandra

    RispondiElimina
  2. Ma quanta roba hai preparato!
    Chissà perchè ci si innamora sempre di persone che non conoscono i nostri sentimenti......Ci piacciono sempre quelli che non ti degnano neanche di uno sguardo....Nostalgia dei 16 anni
    Buona serata
    erika

    RispondiElimina
  3. Ciao Sandra, che ricettina sfiziosa, grazie!
    Buona serata
    Carmen

    RispondiElimina
  4. Accidenti, Carla...proprio così!

    RispondiElimina
  5. Sai Erika, ho davvero esagetato: quasi scoppiavno!
    E poi hai ragione....quel pezzo è forse più dei sedici che dei dodici...boh. comunque il ragazzetto biondo era dei miei dodici, questo me lo ricordo bene. Buonanotte. Ora ricevi le mail in feedback?

    RispondiElimina
  6. Cara Sandra,
    passavo di qui ... accidenti all'insonnia!! ( sono le 00: 30 ) ... comunque la tua gustosa ricetta mi fa venir voglia di mettermi ai fornelli ... ho una fame!! Complimentoni!! A presto.
    PS, mi spiace sapere che soffri il caldo, spero che in questi giorni di frescura tu stia meglio, un'abbraccio!

    RispondiElimina
  7. Ciao Kuore...non parlare a me di insonnia :ore 2,35! Ma la mia non è insonnia, io dormo benissimo. Sono solo "un animale notturno" da sempre. Ora che sono una pensionata ne approfitto un po' di più e vado a dormire tardi per poi alzarmi intorno alle 9 :O)))

    RispondiElimina
  8. MAGNIFICA RICETTA!!
    La terrò presente per una prox cena con le amiche!!

    GRAZIE!

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...