***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

venerdì 10 dicembre 2010

CULTURA POPOLARE MODENESE

Mez pan a Nadel e mez vein a Pasqua.
Mezzo pane a Natale e mezzo vino a Pasqua.

L'è mèi avér al lóv in dal pulèr che al sòl al dè ed Nadel.
Meglio avere il lupo nel pollaio che il sole a Natale.


Chi-n zóga per Nadel, chi-n bala per Carnevèl,
chi-ns'imbèrièga per San Martèin al srà sèimper un pelegrèin
Chi non gioca per Natale, chi non balla per Carnevale, chi non si ubriaca per San Martino sarà sempre un poveraccio.

Da Santa Lucia a Nadel, al vilàn al maza al maièl.

 Da Santa Lucia a Natale il contadino ammazza il maiale.


La not ed Nadel al besti i san parler.
La notte di Natale le bestie san parlare.


Nadel  a cà di tó e Pasqua cun chi  t'vó. 
Natale e  a casa dei tuoi e Pasqua con chi vuoi.

Se a Nadel a gh'è al sòl, a Pasqua 
agh vól al fógh.

Se a Natale c'è il sole, a Pasqua ci vuole il fuoco.

Al dzun prèma ed  Nadel can e gat i l'han da  fèr.
Il digiuno la vigilia di Natale lo devono fare cani e gatti, cioè proprio tutti.

59 commenti:

  1. La cultura popolare è fatta di saggezza, di esperienze vissute ed osservate. Sono sempre molto belle queste iniziative che riportano a galla i dialetti locali, un piccolo patrimonio che altrimenti andrebbe perduto. Il dialetto modenese poi è divertentissimo e fra l'altro si differenzia molto dal bolognese che pure è nella stessa regione.

    RispondiElimina
  2. :)....simpatico ....alcuni li conoscevo.
    ciaooo Vania

    RispondiElimina
  3. che bello questo post ,le tradizioni del nostro paese mi piacciono tantissimo !
    Non temere per i viagi low cost lo sò che può sembrare strano e molti miei amici quando lo dico non ci credono ma gli sconti sono reali io l'anno scorso sono stata a Madrid con 6 centesimi totali ,tre cent andata ,tre cent il ritorno naturalmente per tre persone e tutto quello che ho risparmiato sul volo l'ho speso per i divertimenti sul posto e per un'albergo di categoria superiore in pieno centro,evviva ryanair .

    RispondiElimina
  4. Andando sempre di fretta mica ti avevo vista con il cappellino di Natale.. che carina! Belli i proverbi, anche se il modenese non lo capisco, meno male che hai aggiunto la traduzione :-)
    Baci, buon fine settimana.

    RispondiElimina
  5. Simpatici detti popolari, conosco solo Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi!
    Cari saluti Gabry

    RispondiElimina
  6. anch'io idem come Gabry conosco solo quello!!
    bellissimi detti se non li traducevi non capivo niente!! ciao sandra baci, buona giornata!!

    RispondiElimina
  7. Sandra, le mie conoscenze sui proverbi sono alquante limitate.
    DI questi solo due ne conosco.ciaoooo

    RispondiElimina
  8. MA CHE BELLI questi detti!!
    Alcuni li conosco e sembrano quelli ns bergamaschi...

    MA COME SEI CARINA NELLA TUA FOTINA CON IL CAPPELLINO ALLA BABBO NATALE!!!^__^

    RispondiElimina
  9. I proverbi sono stupendi..adesso i miei nonni son troppo anziani ma quando ero piccina amavo che mi raccontassero tutti i detti popolari..leggerli in modenese poi è fantastico..una vera chicca!Bellissimo post,grande Sandra!Baciotto!!^^

    RispondiElimina
  10. ps: voi festeggiate la S. Lucia?

    noi a BG si festeggia più la S.Lucia che GEsù Bambino-Babbo Natale...

    RispondiElimina
  11. Concordo su tutto Ambra. E' anche vero che il dialetto modenese è parecchio diverso rispetto a quello di Bologna.

    RispondiElimina
  12. Ciao vania, buon finesettimana.

    RispondiElimina
  13. Sì Chiara, prima o poi dovrò provare...a volare gratis!!!

    RispondiElimina
  14. Grazie Debora! Eh, lo so. Ogni dialetto , se lontano dalla propria zona , appare "ostrogoto".
    Dello il nuovo avatar!

    RispondiElimina
  15. Ciao Gabry, grazie per il passaggio.

    RispondiElimina
  16. Ciao Carla. Mia nonna mi rintronava con i suoi "detti" !

    RispondiElimina
  17. Ciao Daniela. Grazie. Quanto a difficoltà, anche il bergamasco mica scherza!!!

    RispondiElimina
  18. Grazie Shiri. Baciotto anche a te.

    RispondiElimina
  19. Beh! Il secondo proverbio mi lascia proprio perplessa...

    RispondiElimina
  20. Io credo molto nei detti popolari, hanno sempre una base di saggezza e verità. Tra questi mi piace molto quello che dice: "chi non gioca per natale, chi non balla per Carnevale, chi non si ubriaca a San martino sarà sempre un poveraccio". Vero, perché bisogna godere la vita grazie alle piccole cose, come i bambini, questa è la vera ricchezza, la magia dell'esistenza! Stai bene col cappellino! Un abbraccio!

    RispondiElimina
  21. Belli e saggi questi proverbi !!
    Buon fine settimana Francesca

    RispondiElimina
  22. Che belli i proverbi popolari!Sanno di nonne che impastano le tagliatelle e di borotalco dopo il bagno.
    Che belli!

    RispondiElimina
  23. Angelo, in effetti è un'affermazione estrema. Ma considera che, come dicevano gli anziani , "d'inverno la neve significa pane". Quindi estremizzando è meglio che un lupo sbrani le galline piuttosto che ritrovarsi senza raccolto a causa di un inverno troppo mite.

    RispondiElimina
  24. Valentina sono perfettamente in sintonia!

    RispondiElimina
  25. Buona domenica anche a te , Francesca.

    RispondiElimina
  26. Ciao Mimì. La nonna sapeva di borotalco, infatti. E di saponetta Palmolive.

    RispondiElimina
  27. Mi sono sempre piaciuti un sacco i detti popolari, perchè fanno parte della cultura e sono sempre molto saggi!

    RispondiElimina
  28. eccomi qua,due gg di trasferta lavorativa...uffa!
    In questi detti popolari c'è la saggezza dei nostri avi...certo il lupo nel pollaio al posto del sole....un pò estremo :-))

    Ciao Sandra!!

    RispondiElimina
  29. Sì, saggezza antica Alessandra.

    RispondiElimina
  30. Allora bentornato, Francesco. Ti auguro due giorni di sereno e meritato relax!

    RispondiElimina
  31. Come sai, a me piacciono molto i proverbi, perché rappresentano la saggezza del popolo e anch'io posseggo una nutrita raccolta di detti popolari romagnoli.
    Apprezzo molto questo tuo frequente richiamo al tuo dialetto, come quando, per esempio, proponi ricette tipiche e le citi anche col loro nome dialettale.
    Un vero peccato questo generale declino dei dialetti.

    P.S. dimenticavo: ieri ho fatto il tuo "Gnocco ingrassato" e devo dire che lo abbiamo trovato tutti eccezionale. Infatti l'abbiamo spazzolato via in un batter d'occhio e già me l'hanno richiesto. :)))

    RispondiElimina
  32. che bello ....mi sembra di essere tornata abambina e ascoltavo cosa dicevano le ziee ed è vero che il maiale si ammazzata per tradizione subito dopo santa Lucia e nelle case dei contadini era un'occasione x trovarsi tutti e festeggiare....e l'uva passa nei cestini ... che si regalava a i bimbi a Natale....quante tradizioni e usanze perse ..... chi lo spiegherà ai ns figli cosa si sono persi...glo

    RispondiElimina
  33. Mamma mia che dialetto complicato! Ho cercato di non leggere la traduzione mettendo tutta la mia buona volont ma sono riuscita a capire solo qualche parola.
    Buona notte
    erika

    RispondiElimina
  34. ti ho scoperta passando da Maestra Laura, trovo il tuo blog decisamente INTERESSANTE. Passerò con più calma a vedermelo meglio ma lo metto subito tra quelli che seguo per non perderti di vista.
    Mi piace molto tutto ciò che riguarda la cultura popolare e sono convintissima che bisognerebbe far di più per "mantenerla in vita"
    Mi ha commosso la foto di gruppo scolastica... è molto simile alla mia: grembiuli neri e grandi fiocchi in classi rigorosamente femminili.
    Se vuoi leggere delle favole inedite per bambini passa a trovarmi.
    Tante serene giornate a tutti
    nonnAnna

    RispondiElimina
  35. Buongiorno Erika. Sì, non è semplice il dialetto, soprattutto la sua lettura. Invece sentirlo parlare.....ANCHE! :O)

    RispondiElimina
  36. Grazie Anna per la tua gentilezza. Sono felice di conoscerti e passerò a provarti. Buon sabato e buona domenica.

    RispondiElimina
  37. Caspiterina ho provato a tradurli da me con tutta la buona volonta' ma non ho capito nulla!!! difficili tanto quanto un proverbio siciliano!! ho nserito il tuo blog nella pagina dei miei amici!!


    Melos!!

    RispondiElimina
  38. Qunti proverbi, mentre li leggo immagino di ascoltarli in dialetto monedese, belli, belli.
    Mi piace molto il tuo calendario dell'Avvento è simpatico ed originale.

    Gabriella

    RispondiElimina
  39. Ciao Carissima Sandra, non ci ho capito nulla,comunque mi fido dei proverbi popolari,sono sempre pieni di saggezza! Un abbraccione e buon sabato e domenica.

    RispondiElimina
  40. Alcuni sono molto famosi.Ti auguro un buon fine settimana,.saluti a presto

    RispondiElimina
  41. L'ultimo detto popolare modenese merita il 1° posto nel podio e quindi la medaglia d'oro.

    RispondiElimina
  42. Anche per non ripetere concetti già espressi, premio il proverbio numero tre, perché mi fa tornare in mente racconti di vecchie usanze di certa tradizione familiare.

    RispondiElimina
  43. Ti ringrazio tanto Krilù, sei sempre molto gentile cone me. Mmmmm...buono vero >IL< gnocco ingrassato?!

    RispondiElimina
  44. Gloria, i nosti figli e nipoti impareranno da noi se avremo la pazienza di narrare. Buona domenica :0)

    RispondiElimina
  45. Grazie Ggabriella, penso tu ia l'unica ad aver notato il mio "strano " calendario.
    Felicissima domenica.

    RispondiElimina
  46. Eh, lo so Adamus...è un po' ostrogoto!!!

    RispondiElimina
  47. Ciao Aldo! Quindi anche tu digiuni, la Vigilia?

    RispondiElimina
  48. Adriano, il terzo proverbio ha, in effetti, riscosso un certo successo!

    RispondiElimina
  49. Ottimo Sandra!!!
    Ricordiamoci chi siamo e il nostro cammino!!!
    Concordo pienamente con te e con Krilù!!
    Li ho capiti tutti anche se nemmeno da piccolina parlavo il dialetto...ma ascoltavo i vecchi!!!
    BUON NATALE!!!! e grazie per i tuoi frequenti pensieri di augurio e conforto!!!

    RispondiElimina
  50. Ciao Sandra,questi pensieri sono molto belli.
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  51. Bruna ...ma grazie a te!
    Anche a me è sempre piaciuto ascoltare gli anziani, fin da piccolissima.

    RispondiElimina
  52. Grazie Achab, buona domenica anche a te.

    RispondiElimina
  53. Sandra! Mo varda ca'am seri persa al post in dialett!Bellissimi i detti anche se per me l'è un po' dificilott al to' dialett pero' al capisi abastansa!At mandi un bason ca fnis pu! Toh ciapa! Smakkete!

    RispondiElimina
  54. Ritinaaa, dai che ci si capisce. Mi sembra di sentirti e di sentire miei amici Claudio e Fiorenza...che sono proprio di Mantova.
    bacione, cara.

    RispondiElimina
  55. anche io conosco ...Natale con i tuoi e Pasqua con chi vuoi, quelli modenesi sono tanti.....ma valli a capì...

    RispondiElimina
  56. Grazie Laura. Per gli altri...c'è la traduzione. :O)

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...