***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

domenica 12 dicembre 2010

PRESEPE



Il mio ha sessant'anni.
E li dimostra.





Anche Giuseppe, che era della casa e della famiglia di Davide, dalla città di Nazaret e dalla Galilea salì in Giudea alla città di Davide , chiamata Betlemme,

     per farsi registrare insieme con Maria sua sposa, che era incinta.
Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto.

Diede alla luce il suo figlio primogenito, lo avvolse in fasce e lo depose in una mangiatoia, perchè non c'era posto per loro nell'albergo.


          C'erano in quella regione alcuni pastori che vegliavano di notte facendo la guardia al loro gregge.



Un angelo del Signore si presentò davanti a loro e la gloria del Signore li avvolse di luce. Essi furono presi da grande spavento.


             L' angelo disse loro :"Non temete, ecco vi annunzio una grande gioia, che sarà di tutto il popolo:

oggi vi è nato nella città di Davide un salvatore, che è il Cristo Signore.



Questo per voi il segno: troverete un bambino avvolto in fasce, che giace in una mangiatoia".


E subito apparve con l'angelo una moltitudine dell'esercito celeste che lodava Dio e diceva:





"Gloria a Dio nel più alto dei cieli e pace in terra agli uomini che egli ama". Vangelo di Luca.




Le casette per  il presepe le costruì per me il babbo nei primissimi anni cinquanta.
Inziava a lavorare a ottobre, ogni sera, dopo il lavoro, insieme all'amico Ettore.
La mia preferita è sempre stata quella più grande, con la scala laterale.
Si è perduto il parapetto del balcone ed anche la statuetta che sistemavo sempre in quel punto, l'omino della polenta.
Anche il piccolo ponte, il somarello con il carico di farina, il mulino,...chissà dove sono finiti. Le statuine invece le acquistavamo in una cartoleria che ancora oggi c'è; una ogni anno e non di più.
Mi rimane qualche casetta di compensato tagliata a traforo e assemblata con colla da falegname; osservandole ne sento ancora l'odore.
Mi rimane una manciata di figurine di cartapesta.
Mi rimane la memoria di un uomo taciturno , poco espansivo e buono, che sapeva carezzare con lo sguardo.

58 commenti:

  1. Ha un valore inestimabile, affettivo.... un ricordo indelebile ed ogni anno per lei si rinnova!
    P.s.: Ma il Babbo creava anche i personaggi in cartapesta?

    RispondiElimina
  2. Davvero, Melos. E' proprio così. Grazie per la domanda...ho aggiunto una precisazione : no, le statutine le compravammo in una "storica" cartoleria del centro che ancora oggi c'è. Ma solo una ogni anno perche a quei tempi, pur non essendo poveri,i miei non avevano tanto da "sprecare" .In quella vetrina, quante meraviglie! Sai che lui faceva una faccia da bambino....mi eneva per mano e insieme stavano tanto tempo ad osservare bene quale ci convenissce comprare per quell'anno.
    Grazie Melos. E, ti prego, dammi del tu.

    RispondiElimina
  3. Grazie per la delucidazione!! Confermo quello che ha detto riguardo suo Papa', puoi avere 10 anni, 20, 30, 50, a me capita cosi', resto sempre tanto ad osservare i pastori, le case, i presepi degli altri!!!E di questo non bisogna mai vergognarsi ne' stupirsi,in un momento della nostra vita dove si stanno perdendo sani principi!!! Fortunatamente riesco a far godere di queste cose anche a mia figlia, a soli 3 anni ha gia' fatto il suo presepe!! ancora grazie... e scusi..... Ciao Sandra!!!

    RispondiElimina
  4. Che bello il racconto della venuta di nostro signore attraverso le immagini del tuo presepe,e che bravo il tuo papà a creare le casette.

    Buona domenica Sandra!

    Ciao!

    RispondiElimina
  5. ciao sandra, bellissimo e commuovente questo tuo racconto. Oggi, dove tutto si compra e poi si butta per poi ricomprare, questo è l'esempio di quanto un oggetto conservato con amore, possa smuovere ricordi lontani. Bella l'immagine di tuo papà che lavorava a questo progetto dopo il lavoro. Me lo hai proprio fatto immaginare mentre crea! buona domenica!

    RispondiElimina
  6. Anche la mia preferita è quelle con la scala laterale,l'ho pensato appena l'ho veduta,prima ancora di leggere anche tu l'amavi in modo particolare.Che ricchezza è la memoria amica mia!Buona e dolce domenica a te.

    RispondiElimina
  7. Ciao cara, é veramente un ricordo molto dolce che rimane per sempre. Bellissimo il tuo post come anche il presepe. Si sente giá molto l'atmosfera di Natale.
    Un bacione e buona domenica

    RispondiElimina
  8. E' preziosissimo, Sandra, e splendido il tuo papà!

    RispondiElimina
  9. che belle le casette, si vede che sono state fatte con tanto amore!!! bravissimo il tuo papa'!!
    baci e buona domenica :)

    RispondiElimina
  10. Quanto mi piaccioni i presepi di famiglia datati! Sono parte dei nostri ricordi, dei nostri affetti: un vero tesoro.
    Anch'io ne ho uno ( tra i tanti in casa) che mi ha regalato la nonna quarant'anni fa. Ci tengo tantissimo
    buona domenica

    RispondiElimina
  11. Cara Sandra, anch'io ho nel mio presepe casette costruite dal mio papà e delle statuine di mio nonno. Il tuo è molto bello ma ciò che è più magico in tutto questo, quando ogni anno si tirano fuori dagli scatoloni queste meraviglie, sono i ricordi, i profumi...proprio come dici tu...
    Buon pomeriggio.
    Hai ricevuto mail?
    erika

    RispondiElimina
  12. Un bellissimo post, Sandra, che mi ha fatto per un attimo pizzicare gli occhi, per la tenerezza e l'amore con cui l'hai composto.
    Un presepe che ha 60 anni è qualcosa di assolutamente prezioso, per il carico di ricordi che racchiude in sè.

    RispondiElimina
  13. Anch'io ricordo l'odore.
    Bello ed intimo il tuo racconto!
    Un bacio

    RispondiElimina
  14. Oh, sì, ricordi di quando si era bambini! Ma qualcosa di quei vecchi bei presepi si conserva, per fortuna,in tante case.

    RispondiElimina
  15. Quando si tirano fuori le cose per fare il presepio dagli scatoloni vengono fuori anche i ricordi. Com'è dolce il tuo racconto, le casette sono state costruite certamente con amore e tanta cura. Le statuine di cartapesta non me le ricordo, noi usavamo quelle di terracotta ed ogni tanto se ne rompeva un pezzo... Ciao, Sandra.

    RispondiElimina
  16. Anche il mio babbo "geppetta" presepi: GUARDA!
    Quello che ha fatto per me quando mi sono sposata, da cha abito qui, non ho mai potuto esporlo per mancanza di spazio e non ti sarà difficile immaginare il mio dispiacere. :(
    Il tuo ricordo è bellissimo, grazie!

    RispondiElimina
  17. Sandra, che storia struggente! D'altri tempi proprio! Il tuo papà ha trovato il modo per passare con te e la tua famiglia tutti i Natali della vostra vita. Non trovi?
    Un abbraccio,
    Rosa

    RispondiElimina
  18. Davvero una storia toccante... è delizioso questo presepe realizzato con tanto amore... e che belle le tue statuine d'altri tempi.
    Ti auguro uno splendido inizio di settimana

    RispondiElimina
  19. Ciao Sandra! Che meraviglia il tuo papa' ,il presepe e il racconto con le parole del vangelo!!E il tuo ricordo affettuoso!
    Boh.... mi hai emozionata! Un bason !

    RispondiElimina
  20. in q.sto mondo dove tutto si butta anora nuovo e nulla si conserva q.sto presepe ha un valore inestimabile, molto emotivo ma prezioso...da conservare ancora con cura e cercare di far capire a chi ci sarà dopo il vero valore che non sempre è dettato dal prezzo.glo

    RispondiElimina
  21. ...devo dire...che più del Presepio...la Storia del Papà Falegname è Importante.
    ciao.
    Vania

    RispondiElimina
  22. Bellissimo il tuo presepe Sandra...io ne ho scattati vari e mi è venuto in mente...Natale in casa Cupiello...

    RispondiElimina
  23. Il mio presepe l'ho ereditato dai miei ,quando il mio papà è morto mia madre decise di non voler più festeggiare il Natale in modo tradizionale con l'albero e il presepe e diede tutto a me non ti nascondo che ogni anno ,quando li tiro fuori mi viene tanta nostalgia e il pensiero ritorna subito ai momenti in cui da bambina eravamo tutti insieme,ora che c'è il piccolino abbiamo iniziato a arricchirlo e ogni anno compriamo qualcosa di nuovo !

    RispondiElimina
  24. Sicuramente è un ricordo indelebile.Saluti a presto

    RispondiElimina
  25. Che bel racconto della tua vita, è tenerissimo...legato a un padre di poche parole che dava tutto per sua figlia e la famiglia. Anche mio padre era di poche parole, mentre adesso è più espansivo e chiacchierone :)
    Noi non facevamo il presepe, ma solo l'albero che ogni anno aveva qualcosa in più.
    Ciao, buona serata

    RispondiElimina
  26. Anche da noi c'erano queste belle statuine e le casette fatte a mano, e le sta conservando mia sorella. Gliele ho cedute da brava sorella minore...ma se devo essere sincera un poco mi spiace.
    Qualche anno fa ho comperato a Napoli, nel famoso rione la natività creata artigianalmente...e tutti gli anni vado orgogliosa del mio acquisto che spero di lasciare ai miei figli (accidenti quanto sto invecchiando...)

    RispondiElimina
  27. Che bello! Grazie per averlo mostrato :-)
    Se ti va di passare da me, ho pubblicato un piccolo raccontino. Un ricordo del mio zio sul Natale di 60 anni fa.

    RispondiElimina
  28. Francesco, è un caro ricordo.

    RispondiElimina
  29. Grazie Laura per il tuo affettuoso commento.

    RispondiElimina
  30. Mimì, la "casona" con la scala laterale mi è sempre iaciuta un sacco. Mio babbo mi diceva sempre "quando sarai grande te pe farai una così"...
    Ciao!

    RispondiElimina
  31. Ciao Caretina. Ancora non ci credo che arrivi Natale...di nuovo!

    RispondiElimina
  32. Grazie Nanussa. Lui ne era molto orgoglioso.

    RispondiElimina
  33. Deve essere davvero bellissimo anche il tuo, Angelo.

    RispondiElimina
  34. La magia è proprio quella, Erika.

    RispondiElimina
  35. Krulù, si smuovono mille emozioni.

    RispondiElimina
  36. Giacynta, è vero: i ricordi olfattivi sono molto potenti.

    RispondiElimina
  37. E spero che questa memoria possa proseguire, caro Adriano.

    RispondiElimina
  38. Ninfa , è vero. Tra le mie alcune sono di terracotta: le pecore e le caprette. Tutte le altre sono di cartapesta. Lo si capisce dalla leggerezza. Poi, qualche anno fa, una è accidentalmente caduta nel laghetto (una ciotolina in cui avevo messo acqua) e l'ho trovata in poltiglia!

    RispondiElimina
  39. Scarabocchiolinaaaaa, vengo subito a vedere!

    RispondiElimina
  40. Rosa, è proprio così. Un abbraccio anche a te.

    RispondiElimina
  41. Grazie Mariabei. Buona settimana pure a te.

    RispondiElimina
  42. Grazie Rita! Per le tue considerazioni e per tutti i BASON che mi lasci sempre!

    RispondiElimina
  43. Gloria hai posto l'attenzione su valori davvero importanti.

    RispondiElimina
  44. Un paragone molto lusinghiero, Laura.

    RispondiElimina
  45. Sì, Giorgia, anche mio babbo invecchiando si era "addolcito".

    RispondiElimina
  46. Beh, sì forse viene da pensare che si sta invecchiando, Carla ( ma allora che dovrei dire io?!)però quant'è bello questo pensiero che esprimi?!
    Ho anch'io una Sacra Famiglia acquistata a Napoli una decina d'anni fa...mi piace prprio tanto.

    RispondiElimina
  47. Hai ragione, Vania. E' proprio così.

    RispondiElimina
  48. Vedi, Chiara, tutto inizia di nuovo e nulla della memoria va perduto. E' questo che conta.
    Grazie per il tuo commento.

    RispondiElimina
  49. Buona serata
    Un abbraccio
    erika

    RispondiElimina
  50. No Sandra,non ci posso credere..questo Presepe è unico....ha un valore incredibile!!! Tra l'altro si nota una lavorazione particolarissima che purtroppo oggi non si pratica più..è bellissimo!Sei fortunatissima!!Un bacione,buona serata cara Sandra. :)

    RispondiElimina
  51. Ciao Erika, grazie!! Ho ancora una marea di blog da visitare e tra dieci minuti ho la riunione mensile del mio gruppo di acquisto...non ce la posso fare!!!! :O))

    RispondiElimina
  52. Shiri è una lavorazione moooolto artigianale.Tecnica sicuramente carente ma tanto amore, quello sì. Grazie cara.

    RispondiElimina
  53. Ma che meraviglia il tuo presepe, Sandra! E poi un ricordo tangibile del tuo babbo. Qualcosa di prezioso da non perdere.

    RispondiElimina
  54. Grazie cara Ambra. Cercherò di lasciarlo al mio nipotino.

    RispondiElimina
  55. GRAZIE, GRAZIE Sandra per tutte le emozioni che mi hai suscitato con questo bellissimo post...
    Purtroppo quello legato ai ricordi della mia infanzia ci è stato rubato dalla cantina diversi anni fa e devo dirti sinceramente che mi manca moltissimo...
    Io adoro i presepi e tutti gli anni cerco di aggiungerne uno (in formato ridottissimo) alla mia collezione...
    Tante serene giornate a tutti
    nonnAnna

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...