***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

lunedì 9 gennaio 2012

" ODORAVA DI DIGNITA' "

"Mercoledì 11 gennaio 1950. Modena, centro città, via  Emilia lato nord.
Lei è tesa, preoccupata, ansiosa. E' andata a trovare sua madre che abita vicino alla stazione, in via Palestro al 19.
Deve rientrare a casa ed ha una certa fretta ..."


Inizia in questo modo un mio post dello scorso anno, di questi giorni.
Parla dei sei ragazzi delle Fonderie Riunite, sei operai trucidati dai celerini il 9 gennaio 1950 a Modena ... esattamente sessantadue anni fa, oggi.
                              



La ragazza che affannosamente cerca di attraversare la strada è la mia mamma.
La si vede qui a sinistra ritratta proprio in via Emilia da un fotografo di strada, alcuni mesi dopo ... nel carrozzino ci sono io.




Mio babbo era un operaio con qualifica di "saldatore specializzato" e mi ha raccontato tante volte, fin da quando ero ragazzina,  del tiro al piccione di quel giorno.
Lo rivedo sulla sua bicicletta, borsa con il pranzo appesa alla canna, pedalare verso la fabbrica , con ogni tempo atmosferico.
Lui e la sua vecchia bici. Lui e le sue ruvide mani callose. Lui e lo spazzolino che usava per grattare via il nero dalle unghie. Lui e il suo cappottino di lana spigata. Lui e lo strato di fogli di giornale sotto il maglione. Lui e il suo "padlèin" (tegamino doppio a chiusura ermetica) per riscaldare a "bagno-maria" il pranzo che mamma gli aveva cucinato.

Alcuni giorni fa un amico (grazie Massimo)mi ha inviato via mail il testo di una lettera scritta dal figlio di un operaio Fiat: ho rubato lì il titolo di questo post.
In questi giorni di grandi cambiamenti per il mondo del lavoro e non solo, in questo giorno di memoria, ...rileggerla mi ha fatto ricordare e riflettere.


Se poi si ha tempo e voglia, ecco qui:
5 minuti che vale la pena "perdere"



69 commenti:

  1. Grazie per il ricordo e la memoria....non c'ero naturalmente, nel senso che no ero nata, e non ci sono nemmeno ora nel senso che sono emigrata....ma anche qui il mondo del lavoro non e' granche' anzi forse e' peggio, perche' non c'e' un barlume di tutela....

    RispondiElimina
  2. Certo che lo ricordo quel tuo post, cara Sandra. Mi son ricordata anch'io del mio papà e dei suoi sacrifici.
    Abbiamo imparato tanto da loro.

    RispondiElimina
  3. Ricordo il tuo post ma ancor più ricordo quegli anni, ne avevo 15 ma si cresceva in fretta allora.
    Ho partecipato allo sciopero e alla manifestazione. Come ricordo bene gli altri operai trucidati dalla polizia, per chiedere un pezzo di pane, come ricordo bene i contadini meridionali morti a Melissa, Montescaglioso.... me li ricordo bene da rabbrividire quando vedo le piazze e le strade intitolate a De Gasperi, mi bruciano ancora le manganellate della celere. PER QUESTO MI AGGREGO MALVOLENTIERI CON CHI SI ISPIRA A LUI
    SCUSA LO SFOGO SANDRA,MA QUANDO CI VUOLE.......E CI VUOLE!

    RispondiElimina
  4. Sandra, questo tuo ricordo è una testimonianza per tutti noi....grazie per averlo proposto perchè ci hai dato l'occasione di riflettere e meditare

    RispondiElimina
  5. Con vergogna ammetto di non avere mai conosciuto questa tragica vicenda.
    E ti ringrazio, cara Sandra, di averla riproposta dandole un titolo che migliore non era possibile:
    "Odorava di dignità".
    Ciao e grazie ancora,
    Lara

    RispondiElimina
  6. ricordo il tuo post....
    alcune cose non dovrebbero essere dimenticate,fai bene a spolverarle
    Baci

    RispondiElimina
  7. Ciao Sandra! Io, come te, sono nata negli anni cinquanta, non ho conosciuto tutti i disagi e la tragica povertà della guerra e degli anni prima..ma i miei genitori si ed il loro stile di vita, i sacrifici ed il gran lavoro che facevano..quelli li ricordo anch'io, anche se ero piccola..Sarà per questo che amo il recupero e il riciclo, e non mi sono mai identificata nel consumismo e nell'ostentazione, come altre persone che conosco..mah..speriamo che la crisi ci insegni un po' di sobrietà e di rispetto, ma la vedo dura guardandomi in giro..un abbraccio e buona settimana!
    Carmen

    RispondiElimina
  8. Ed io ti dico che devi sempre essere orgogliosa del tuo papà che, ne sono certo, odorava di dignità per quello che era: un uomo degno di rispetto e da ammirare.

    RispondiElimina
  9. Non sapevo di questa tragedia.
    Mi consola pensare che oggi non potrebbe più accadere un fatto del genere.
    Cristiana

    RispondiElimina
  10. Ciao Sandra. Sono commeossa e senza parole...ho letto anche l'altro post...morti assurde!
    Baci.
    Nunzia

    RispondiElimina
  11. Sandra, ci è venuta la pelle d'oca, purtroppo viene da dire che siamo soli più che mai, che siamo solo dei numeri noi del ceto operaio, del ceto medio, noi che siamo coloro che devono sopportare sacrifici immani senza avere nessun diritto, nessuna garanzia. Parliamo del precariato, parliamo di chi a 50 anni è ancora lavoratore precario, chi gli rinnoverà il contratto a 60 anni, a 62, 64, 65 dato che dovremo lavorare fino a quell'età e forse oltre? Ma tra questi politici o professori c'è qualcuno che sappia guardare in faccia la realtà? Perchè decidere a tavolino, affossare i cittadini onesti che chiedono solo lavoro e dignità e fare sempre e solo gli interessi di chi detiene potere e denaro, tutto questo non ha niente di equo e qui ci arrabbiamo, dov'è l'equità nella manovra che è stata fatta? Dov'è la possibilità di crescita se il nostro potere d'acquisto è stato minato fortemente dall'aumento dell'Iva, dei carburanti, della tassazione, se le prospettive per il futuro sono così incerte, traballanti? Siamo fortemente delusi e soli.
    Un abbraccio da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  12. Cara Sandra, tristemente, ricordo il tuo post.

    Quanti sacrifici hanno fatto i nostri genitori e nonni...

    E tanti giovani ora ne faranno.

    RispondiElimina
  13. Lovely old picture Sandra..... i like it.

    Ciao, Joop

    RispondiElimina
  14. Erano donne e uomini che odoravano indubbiamente di dignità. E' cosa degna e giusta ricordarli.

    RispondiElimina
  15. Un titolo che coglie fino in fondo lo spirito di uomini e donne di un'epoca. Me lo ricordo perfettamente il tuo post dello scorso anno.

    RispondiElimina
  16. Ho aggiunto un breve video (5 minuti appena). L'ho ritrovato su FaceBook grazie ad Arturo Ghinelli che, tra l'altro, è nipote di uno dei caduti, Arturo Malagoli. Come dice lui: perchè i giovani sappiano.

    RispondiElimina
  17. Grazie Francesca...quel barlume di tutela lo si deve alche a questi morti. Buona settimana, carissima!

    RispondiElimina
  18. E' vero Erika, abbiamo imparato tanto. E abbiamo il dovere di fare la stessa cosa verso i figli e i nipoti.

    RispondiElimina
  19. Ci vuole, ci vuole,...concordo Maresco.

    RispondiElimina
  20. Grazie Lara...non ti devi vergognare per la "non conoscenza". Qualche responsabilità a questo proposito l'abbiamo tutti.

    RispondiElimina
  21. Carmen siamo proprio in sintonia.

    RispondiElimina
  22. Lo sono Aldo, lo sono. E tanto.
    Grazie.

    RispondiElimina
  23. Sempre alta la guardia, però, Cristiana. Sempre alta.
    Grazie.Buona settimana.

    RispondiElimina
  24. Sì, davvero tragedia, Nunzia. Il senso va ricercato nel miglioramento delle condizioni di lavoro successive a quei periodi...tutto espresso "da pelle d'oca" nelle testimonianze registrate nel video che ho aggiunto questa mattina al post.
    Grazie. Buona settimana.

    RispondiElimina
  25. Luca e Sabrina grazie....sacrifici , ora, dopo un ventennio di testa sotto la sabbia, sono indispensabili. Dobbiamo guardare avanti, stare all'erta e continuare a lottare . Per non rendere vani tutti quei morti...e quanti altri episodi contemporanei o successivi ci sono stati....

    RispondiElimina
  26. Thanks Joop: she is my mom....1950! You can't see me : I'm in the pram.

    RispondiElimina
  27. Esattamente il mio pensiero. Grazie Adriano.

    RispondiElimina
  28. Grazie Ambra...il titolo non è un mio pensiero....l'ho mutuato da una magnifica lettera scritta dal figlio di un operaio Fiat.

    RispondiElimina
  29. ciao Sandra grazie per questo ricordo,molto emozionante e da brividi, fai bene a ricordare queste cose, come altre non bisogna dimenticare il passato, grazie per il video e le testimonianze drammatiche, ciao buona settimana rosa a presto

    RispondiElimina
  30. TESORA...

    oggi con questo post sono sobria.

    Convengo e sono pienamente d'accordo con il sig. Adriano.

    Grazie Sandra, sai mesciare cultura a creatività, sapere e conoscenza...questi coktail fanno del tuo blog uno dei miei preferiti....per non parlare della persona. 10 con lode! ;o)

    Kisses a lot. NI

    RispondiElimina
  31. Cara Sandra, non ricordo il post perchè ti ho conosciuta da alcuni mesi... ma di sicuro si fa ricordare perchè è un gioiellino... immagini...emozioni... e ricordi si intrecciano alla perfezioni e scorrono davanti agli occhi come un film...
    Complimenti
    Buona settimana

    RispondiElimina
  32. E' un post che racconta di persone piene di dignità. Mi sono commossa.
    Fai bene a ricordare.. e noi con te.

    Un abbraccio
    Nou

    RispondiElimina
  33. Ci sono persone, cara Sandra, che come te, avrebbero molto da insegnare a questo paese! la memoria è qualcosa di straordinariamente forte, non và nè sottovalutata nè discriminata! La dignità è un fattore fondamentale e concernente alcuni esseri umani e tu, in questo post, (proprio come da tua citazione), hai saputo renderne davvero l'idea ... di che cosa sia realmente! Complimenti.

    RispondiElimina
  34. Ciao cara,
    mi associo a chi ti ringrazia di questo tuo ricordo che poni alla nostra attenzione e meditazione.
    Onore e rispetto x la loro dignità...

    *Un abbraccio*

    M@ddy

    RispondiElimina
  35. Certe tragedie non andrebbero mai dimenticate...anche perchè sono ancora drammaticamente contemporanee!!!

    RispondiElimina
  36. fantastico il tuo post fa riflettere tanto

    RispondiElimina
  37. Ho rivisto anche mio padre dalla tua descrittiva.
    Dopo anni di campagna per guadagnare la pagnotta dovette andare in Fabbrica, alla Falck ed anche lui in bicicletta si recava a prendere il treno con gli orari dei tre turni...ed anche lui si portava la schiscetta per riscaldare il pranzo..ed anche lui si metteva i giornali (quando c'erano) sotto la maglia di lana...ed anche lui si puliva le unghie con lo spazzolino di crine...ed anche lui ha sofferto tanto di ingiustizie tremende.
    Ricordi pesanti che non si cancellano e che ci portano a riflettere sulle stupidità di oggi.....(chiudo, altrimenti sparo).
    ciaooo Sandra

    RispondiElimina
  38. (a)Il video (soprattutto il finale)
    (b)Le persone che hanno vissuto quella tragedia sulla propria pelle.
    (c)I loro commenti da intervistati.
    Un mixer straordinario che tocca i sentimenti più reconditi e non mi vergogno a scriverlo una lacrima ha rigato il mio viso(sarà perché amo la giustizia).
    Cordialità. Edo

    RispondiElimina
  39. bellissimo post,ricordare è doveroso,un abbraccio

    RispondiElimina
  40. Altra pagina vergognosa della storia.
    La polizia non aveva ancora smaltito l'influenza fascista. Un fatto di incredibile durezza e atrocità.
    Hai fatto bene ricordare questo fatto, ed ogni anno devi riproporlo.
    Grazie, ciao, buona giornata.

    RispondiElimina
  41. non bisognerebbe mai dimenticare....glo

    RispondiElimina
  42. io credo che proprio quando cercano di calpestare la dignità delle persone questa emerga in tutta la sua limpidezza!!!
    Buon anno Sandra

    RispondiElimina
  43. ..che dire.

    ...aggiungerei però che anche ogni "epoca" ha le sue "battaglie" .
    ciao Vania

    RispondiElimina
  44. Il tuo post e' una testimonianza di cio' che e' accaduto e del quale non tutti erano a conoscenza. E' un'occasione per riflettere e capire.
    Adesso di fronte a noi abbiamo altre sfide, L'Italia non e' "guarita" ma e' fatta da noi italiani che abbiamo avuto e avremo la forza di andare avanti e ce la faremo come sempre.
    Ps: ma i parlamentari, potevano diminuirsi un po' lo stipendietto pero'... :-)

    RispondiElimina
  45. Ciao Rosa, grazie per il tuo commento. Tornando alla tua vincita...sorteggio della befana...hai vinto una sciarpa, ricordi? Ti dico di nuovo( ma poi non lo farò più perchè non vorrei importunarti) che non posso inviartela se non ho il tuo indirizzo di casa...ovviamente mica è obbligatorio ma sarebbe carino che tu me lo dicessi se non ti va. Ciao
    :O)

    RispondiElimina
  46. Grazie Ni, per tutto ciò che mi scrivi. Apprezzo molto.E è ricambiato.

    RispondiElimina
  47. Grazie Zicin, buona settimana anche a te.

    RispondiElimina
  48. Grazie Nou, un abbraccio anche a te.

    RispondiElimina
  49. Grazie Stefania, sei sempre molto affettuosa e gentile.

    RispondiElimina
  50. E anche io ringrazio te, Maddy. Ciao.

    RispondiElimina
  51. Abbiamo molto in comune, Carla.

    RispondiElimina
  52. Edoardo, grazie, capisco. Io ascolto i testimoni e vado in pelle d'oca.

    RispondiElimina
  53. Un abbraccio anche a te, Gabe. Grazie.

    RispondiElimina
  54. Gloria, mai. Finchè potrò.....

    RispondiElimina
  55. Chris...a furia di insistere....TENIAMO DURO, dai!
    :O)

    RispondiElimina
  56. Che bel post! Quanti ricordi ti sovvengono? Baci.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Tanti, davvero. Sarà la vecchiaia che avanza.

      Elimina
  57. la lettera di Luca Mazzucco è davvero meravigliosa, commovente sino alle lacrime

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...