***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

domenica 17 aprile 2011

MILLE GRU

video
Ecco le istruzioni per realizzarla,
così come le avevo preparate per i miei alunni:

... "- Asciugati gli occhi, Yasuko, e sorridi. Sadako deve essere contenta della nostra visita. Oggi le consiglieremo di ritagliare le mille gru di carta dorata. Tu le mostrerai come si fa, Scigheo. Hai portato le forbici?
- Ho tutto, babbo, ...
... Come faceva quand'era piccina, anche adesso per la gioia arricciò il naso, socchiuse gli occhi, sporse le labbra e ritirò perfino, sia pure con un certo sforzo, il capo tra le spalle ...
Scigheo aveva messo sul letto della malata un grosso rotolo di carta dorata ed un paio di forbici ...
- Guarirai sicuramente - disse Scigheo. - Sai come? Guarda qui! Ho della carta dorata ed un paio di forbici. Stai attenta! Ti mostrerò qualcosa.
Tagliò dal rotolo un pezzo di carta, grande press'a poco come un quaderno aperto e lo piegò con le dita agili in un determinato modo. In meno di un minuto, con qualche taglio di forbici, ne venne fuori qualcosa che assomigliava ad un uccello con le ali spalancate.
Scigheo fece muovere in cerchio l'uccello di carta sopra il capo di Sadako.
- Hai visto com'è facile? Quando mille di queste gru staranno appese a dei fili al tuo letto, sarai guarita ...
Con voce vibrante d'impazienza e d'eccitazione, chiese al fratello:- Per piacere, taglia la carta nella misura giusta. Molti pezzi. Voglio cominciare oggi stesso a fare le gru. Voglio guarire presto. Mostrami ancora una volta come si fa. "..
******
Gru, un simbolo di pace.
Serena domenica delle Palme a tutti.
Dai miei ricordi di scuola. Esperienze in una classe quinta.
-"Ascolto la maestra leggere"-Il gran sole di Hiroschima, di Karl Bruckner
-"Giocare con la geometria"-Realizzazione di un modello-origami

60 commenti:

  1. bello imparare così la geometria...glo

    RispondiElimina
  2. Vero, Gloria. Con l'origami le istruzioni sono tutte un "segui la diagonale...piega lungo la mediana...rifai simmetricamente...ribalta sulla base..." Insomma, geometria applicata! Si divertivano davvero.

    RispondiElimina
  3. Che bello!
    Ancora Serena Domenica delle Palme, cara Sandra!

    RispondiElimina
  4. che bello!Ma mi sembra complicato!Forse anche tu vedi così il peyote?ma poi basta provare?
    Buona domenica

    RispondiElimina
  5. Ho seguito un corso di origami a scuola ed io e la collega di matematica li utilizziamo per fare i bigliettini d'auguri a Natale e a Pasqua.

    RispondiElimina
  6. Cara Sandra, con carta e forbici, la geometria diventa un divertimento per i bambini.
    Buon pomeriggio.

    RispondiElimina
  7. Ciao Sandra.
    Ho sentito raccontare da te solo ricordi felici del tuo tempo della scuola. Questa è una cosa bellissima. Devi aver vissuto quel tempo in pienezza e gratificazione.

    RispondiElimina
  8. Grazie Erika....ho finito ora di stirare IL MONTE EVEREST :O( !
    Un bacione.

    RispondiElimina
  9. Lucia, paragone azzeccato, sai?! I tuoi bellissimi peyote io li vedo irraggiungibili...
    Per la gru ed altri modelli semplici : i bimbi ci riescono bene seguendo le indicazioni vocali ed osservando l'esecuzione passo-passo. Poi conta la pratica .

    RispondiElimina
  10. Lellina, sììììì...si possono fare biglietti bellissimi. Me ne hai fatto ricordare uno con i tulipani...vediamo se riesco a trovarlo....GRAZIE PER LA VISITA.

    RispondiElimina
  11. Eh Stella, sì. Lo so che lo sai... ;o)))

    RispondiElimina
  12. Ambra, molto intensamente e con tanta passione...è stato bello. Poi è anche vero che si tende a mitizzare il passato ma credo di essere abbastanza obiettiva.

    RispondiElimina
  13. Buonasera Sandra...lo dico sempre che la geometria (anche se non mi piace) è utilissima!!!
    Certo che avere una suocera con una fabbrica di bottoni...sembra l'inizio di una favola!!! Che invidia!
    Un abbraccio, *Maristella*.

    RispondiElimina
  14. Maristella, ciaoooo. Non era di mia suocera, la fabbrica di bottoni,ma di una sua parente. Si parla degli anni cinquanta, nel piacentino. A un certo punto la fabbrica fallì e mia suocera , che faceva la sarta da uomo, si ritovò a casa montagne di bottoni! Negli anni, parecchi sono stati utilizzati...ora alcune scatole le ho io.

    RispondiElimina
  15. Cara Sandra i tuoi ricordi di scuola sono fantastici! Buona domenica delle palme anche a te e buon inizio di settimana!

    RispondiElimina
  16. Ciao Sandra!
    Che bello! Pensa che stasera col mio bimbo grande stavamo facendo le semplici barchette. Proverò a vedere se riesco a fare la gru e sicuramente delizierò i miei bimbi con questo "gioco" entusiasmante: creare con un pezzo di carta un uccello! Meraviglioso!
    Bacio.
    Nunzia

    RispondiElimina
  17. Molto belli questi tuoi ricordi!!! Anche se ormai la giornata è finita, buona domenica delle palme anche a te !

    RispondiElimina
  18. Ciao Sandra!
    Torno per dirti che ci sono riuscitaaaaa!^__^
    'Notte!
    Nunzia

    RispondiElimina
  19. Ciao Mirta, grazie. Altrettanto a te.

    RispondiElimina
  20. Nunziaaaa, bravaaa. Son proprio contenta! I bimbi erano felicissimi di vedere la geru battere le ali.

    RispondiElimina
  21. Grazie Alessandra, a te buona settimana.

    RispondiElimina
  22. Ma che bella Sandra! Grazie.

    RispondiElimina
  23. Giorno Sandra! Interessante ...posso riuscirci secondo te?
    Proverò!
    Smak

    RispondiElimina
  24. Gru, un segno di pace per tutti anche da me.


    ps.Sandri', grazie, la convalescenza procede a ritmo lento.

    RispondiElimina
  25. Ciao Sandra,bellissimo post,mi piace il genere,
    dal video si può imparare,grazie.
    Buona serata.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  26. Veramente interessante.Buon inizio di settimana;saluti a presto

    RispondiElimina
  27. Elena...ma ovvio che sì ;O)

    RispondiElimina
  28. Aldo riguardati, per favore ;O)

    RispondiElimina
  29. Achab, grazie! Son pochissimi secondi, solo per vedere come batte le ali: i bimbi erano strabiliati!

    RispondiElimina
  30. A presto Cavaliere e grazie a te.

    RispondiElimina
  31. ciaoo SANDRA . SONO passata per un saluto.
    Non so se riuscirò ancora prima di Pasqua. Ti lascio già da ora i miei più sicneri auguri.ciaooooo

    RispondiElimina
  32. veramente carino e interessante. Il tuo blog è una ventata d'aria fresca, complimenti!
    a presto

    RispondiElimina
  33. Bellissimo post anche questo: un altro ricordo di scuola - l'ho letta con piacere questa storia.. non ho mai provato a fare le gru, ma mio figlio minore, ogni tanto me ne regala una^__^
    Cara Sandra, approfitto della notte insonne e porto gli auguri ai vari amici: te ne faccio tanti e sinceri, che tu possa trascorrere una Pasqua in letizia con la tua famiglia. Un abbraccio

    RispondiElimina
  34. Da provare con i miei bimbi!!!!! Accidenti mi sono persa i tuoi gnocchiiiii!!!! Un bacione

    RispondiElimina
  35. ...simpatica.
    ...non sapevo fosse simbolo di pace.
    ciaoo Vania

    RispondiElimina
  36. Grazie Carla. Auguri anche a te e tutta la tua famiglia.

    RispondiElimina
  37. Grazie Wiska, che gentile. Devo ripassare da te.

    RispondiElimina
  38. Grazie Paola. Ricambio con vero piacere. Buona Pasqua a tutta la tua famiglia. Pallina compresa, ovviamente.

    RispondiElimina
  39. Ciao Vania . Gru simbolo di pace per Hiroshima e tutto il Giappone.

    RispondiElimina
  40. Che belle cose facevi a scuola, Sandra! Conoscevo già questa storia delle mille gru, anche se purtroppo è finita non nel modo sperato, questo origami è diventato il simbolo della pace. Ai bambini la gru (o cicogna..) piace molto, perchè rimangono stupiti vedendo il movimento delle ali. Realizzarla non è semplice, io l'ho imparata, nel periodo universitario, da un amico. Poi la mia passione per gli origami è proseguita...

    RispondiElimina
  41. Vero Ninfa , i bimbi sono davvero stupiti per il movimento delle ali. Trovi che sia difficile? Può essere . Ma noi realizzavamo modelli simili in classe quarta o quinta : se negli anni precedenti hanno fatto esperienza con modelli più semplici (vari tipi di casette, barchetta, cuore,...) arrivano ai modelli più complicati con facilità.

    RispondiElimina
  42. Ci proverò sicuramente...Ti lascio gli Auguri per una Pasqua serena e di pace per te e per la tua famiglia, ciao e grazie.

    RispondiElimina
  43. La gioia di Cristo risorto scenda nel tuo cuore donandoti pace e serenità. Buona Pasqua!!!

    RispondiElimina
  44. Buona Pasqua Sandra
    Un abbraccio
    Maurizio

    RispondiElimina
  45. Il sole di Hiroshima è stato il mio secondo libro letto dopo Piccole Donne :) l'ho letto tante volte. Bnotte

    RispondiElimina
  46. Il sole di Hiroshima è stato il mio secondo libro letto dopo Piccole Donne :) l'ho letto tante volte. Bnotte

    RispondiElimina
  47. ... a volte basta poco per far comprendere meglio le cose!!! Che bella arte l'origami...

    RispondiElimina
  48. Grazie Talamasca. Quante lacrime adolescenziali, vero?

    RispondiElimina
  49. Grazie Mauruzio. Felicissima Pasqua anche a te.

    RispondiElimina
  50. Grazie Mirta! Felice Pasqua anche a te.

    RispondiElimina
  51. Grazie Max, sei sempre gentilissimo. felice Pasqua anche a te e famiglia.

    RispondiElimina
  52. Ciao, arrivo qui da Diario figurato... bellissima questa storia che hai raccontato e a dire la verità preferisco la gru alla colomba!

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...