***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

lunedì 29 agosto 2011

MASTRO CILIEGIA ? E' NEL MIO GARAGE !

" C'era una volta...

- Un re! - diranno subito i miei piccoli lettori.
- No, ragazzi, avete sbagliato. C'era una volta un pezzo di legno.
Non era un legno di lusso, ma un semplice pezzo da catasta, di quelli che d'inverno si mettono nelle stufe e nei caminetti per accendere il fuoco e per riscaldare le stanze.





Non so come andasse, ma il fatto è che un bel giorno questo pezzo di legno capitò nella bottega di un vecchio falegname, il quale aveva il nome mastr' Antonio, se non che tutti lo chiamavano maestro Ciliegia, per via della punta del suo naso, che era sempre lustra e paonazza, come una ciliegia matura.
Appena maestro ciliegia ebbe visto quel pezzo di legno, si rallegrò tutto; e dandosi una fregatina di mani per la contentezza, borbottò a mezza voce:


Voi sapere come finisce questa storia?

- Questo legno è capitato a tempo: voglio servirmene per fare una gamba di tavolino.
Detto fatto, prese subito l'ascia arrotata per cominciare a levargli la scorza e digrossarlo, ma quando fu lì per lasciare andare la prima asciata, rimase col braccio sospeso in aria, perché sentì una vocina sottile sottile che disse raccomandandosi:
-Non mi picchiare tanto forte!

Figuratevi come rimase quel buon vecchio di maestro Ciliegia! Girò gli occhi smarriti intorno alla stanza per vedere di dove mai poteva essere uscita quella vocina, e non vide nessuno!
Guardò sotto il banco, e nessuno; guardò dentro un armadio che stava sempre chiuso, e nessuno; aprì l'uscio di bottega per dare un'occhiata anche sulla strada, e nessuno. O dunque?...
- Ho capito - disse allora ridendo e grattandosi la parrucca - si vede che quella vocina me la sono figurata io. Rimettiamoci a lavorare. E riprese l'ascia in mano , tirò giù un solennissimo colpo sul pezzo di legno.
--Ohi! tu m'hai fatto male! - gridò rammaricandosi la solita vocina. Questa volta maestro Ciliegia restò di stucco, cogli occhi fuori del capo per la paura, colla bocca spalancata e colla lingua ciondoloni fino al mento, come un mascherone da fontana.

Appena riebbe l'uso della parola, cominciò a dire, tremando e balbettando dallo spavento: - Ma di dove sarà uscita questa vocina che ha detto ohi?... Eppure qui non c'è anima viva. Che sia per caso questo pezzo di legno che abbia imparato a piangere e a lamentarsi come un bambino? Io non lo posso credere.
Questo legno eccolo qui: è un pezzo di legno da caminetto, come tutti gli altri, e a buttarlo sul fuoco, c'è da far bollire una pentola di fagioli...

O dunque? Che si sia nascosto dentro qualcuno? Se c'è nascosto qualcuno, tanto peggio per lui. Ora l'accomodo io!
E così dicendo, agguantò con tutte e due le mani quel povero pezzo di legno, e si pose a sbatacchiarlo senza carità contro le pareti della stanza.... ". Carlo Collodi, Pinocchio.
Il mio "Mastro Ciliegia" ha portato a nuova vita questo bellissimo banco di scuola che amici avrebbero consegnato alla discarica. Ma come si fa, dico io, a buttare un oggetto simile?!







64 commenti:

  1. Sandra,mi hai incantata e ho letto con la meraviglia di una bambina.
    Complimenti a mastro ciliegia,fortunato il garage e fortunati noi per aver letto una favola per grandi e piccini.
    Grazie per questo stupendo post e ben-ritrovata!Ciao

    RispondiElimina
  2. Wow....very nice work....compliments.
    Looks now very nice in that room.

    RispondiElimina
  3. complimenti sia per la leggiadria con cui hai descritto l'opera di mastro, sia per il lavoro in sè stesso. Te lo dice uno che una volta aveva la passione dei piccoli lavori di falegnameria, che si è costruito qualche mobiletto, compreso il letto di mia figlia. Telo sta dicendo uno per cui un lavoro come quello equivale a scrivere una poesia.

    RispondiElimina
  4. Sei proprio fortunata, ma la fortuna, si sa, aiuta in genere chi se lo merita. Sto pensando con rimpianto a quello che la carenza di spazi obbliga talvolta a regalare. Mai gettare!

    RispondiElimina
  5. Io avrei fatto come il tuo Mastro Ciliegia che ha veramente le mani d'oro! Avete ridato la vita ad un oggetto bellissimo. Complimenti, Laura

    RispondiElimina
  6. Se Mastro ciliegia è uno di famiglia, non mi resta che dire che il DNA non è acqua o che Dio li fa e poi li accompagna.
    Cristiana

    RispondiElimina
  7. Guarda Sandra, è un vero pezzo da museo. Secondo me non ce l'ha nessuno un banco così e così bello.
    E il novello Mastro Ciliegia è stato proprio bravo. Ma com'è che non m'ero accorta che avesse il naso rosso? Si sarà messo un fard per l'occasione a base di farina (ih ih ih).

    RispondiElimina
  8. Sono senza parole...per tutto! Per come hai descritto il post, partendo da una storia che mi ha riportata indietro nel tempo, e poi il lavoro finito, un capolavoro! Grazie per l'emozione!
    Un bacione!

    RispondiElimina
  9. Che rinascita!neanche io avrei mai avuto il coraggio di buttare via quel delizioso banchetto!

    RispondiElimina
  10. eccolo qui il tanto apprezzato banco di scuola tutto d'un pezzo.
    Accidenti è un vero pezzo unico.
    MA..dimmi in un orecchio...mastro ciliegia..era forse Franco?.
    Sai che si è mimetizzato bene...non so davvero se è lui...
    ciaooooooo Sandra e bravissima.

    RispondiElimina
  11. adoro i mobili che sanno di antico, di vissuto... soprattutto quelli che sembrano non valere nulla ad una prima occhiata e invece poi, dopo un lavoro certosino e appassionato, tornano a vivere e a far parte della vita di qualcun'altro...
    bello l'accostamento alla favola di pinocchio...
    buona serata

    RispondiElimina
  12. ciao cara Sandra!
    Gianni ti avrebbe aiutato sicuramente ...io avrei aiutato i tuoi amici!
    Strana la vita,eh!
    Comunque è un pezzo d'antiquariato!
    Baci

    RispondiElimina
  13. E brava la maestra che suscita l'interesse "degli scolari"...ho letto con avidità il tuo post, intuendo dove tu volessi portarci...

    Bel lavoro, Mastro Ciliegia, al quale vanno i miei complimenti.

    RispondiElimina
  14. Ma che meraviglia!
    Mi hai fatto pensare quanto un banale oggetto potrebbe riempire le nostre VUOTE stanze!
    Grazie Sandra quest'oggetto mi ha riportato felicemente indietro nel tempo!
    Buona serata
    ciao
    Matteo

    RispondiElimina
  15. Lo sai, Sandra, che quando ero piccola ne avevo uno simile, proprio rosso? Me lo aveva regalato mia nonna quando frequentavo le elementari. Complimenti all'artista "Franco" ma che dico a "Mastro Ciliegia".
    Ciaooo.

    RispondiElimina
  16. Che mastro Ciliegia eccezionale hai in casa, complimenti! E complimenti anche a te perchè, con grande abilità, hai dato vita a questo delicato post che mi riporta indietro negli anni. "Pinocchio" era la mia favola preferita da piccola ed anche la vista di quel banco mi suscita dei ricordi. Hai fatto benissimo a non farne una gamba di tavolino...

    RispondiElimina
  17. Complimenti al "mastro Ciliegia". Ha fatto un bellissimo lavoro. Se fossi bambina vorrei avere un banco di scuola proprio casí! Il brano preso dal Pinocchio é un'ottima scelta e mi piace moltissimo.
    Un caro saluto e baci

    RispondiElimina
  18. Sandra che incanto quel banco riportato a nuova vita!Mi ha fatto pensare a quando mio nonno faceva il maestro in paese!

    RispondiElimina
  19. ..bella idea questo moderno adattamento di Pinocchio!
    ...quando hai recuperato un oggetto così bello ci vuole anche il bravo mastro Ciliegia che lo rimetta nuovo... e, con la crisi dell'artigianato che c'è è molto difficile trovarlo... l' impero del fai da te truciolato- laminato ikea impera....quanta arte e manualità stiamo perdendo..tutto in nome del tutto e subito, usa e getta...
    Io dico che niente imita la maestria del falegname, dello scalpellino e di tutti gli altri artigiani..dobbiamo imparare di nuovo ad usare le mani ed il cervello in questi modi..

    RispondiElimina
  20. assomiglia proprio a quei vecchi banchi di scuola che ho usato in prima e seconda elementare......erano già vecchissimi a suo tempo.........
    meraviglioso.glo

    RispondiElimina
  21. Grazie Sandra!!!!
    Meraviglioso e...dall'angolo più nascosto della mente affiorano tantissimi ricordi!!!!!!!!!!!!
    La mia maestra si chiamava Paolucci Ilde e la porto ancora nel cuore!!!
    Un bacio.
    Morena

    RispondiElimina
  22. ma che bello questo post Sandra
    bello, bello, bello

    RispondiElimina
  23. Che meraviglia!!!
    Mi hai riportata allo stupore dell'infanzia!!!
    Complimenti!!!
    Che fortuna conoscere "Mastro Ciliegia" e dare nuova vita ad "un pezzo dell'infnzia" di così valore.
    Felice settimana

    RispondiElimina
  24. Davvero un peccato buttare via un pezzo del genere!
    Complimenti per il recupero!

    RispondiElimina
  25. Sandra, è meraviglioso questo post, meravigliosi gli scatti e quel banco di scuola riportato alla vita. Non riusciamo a concepire che potesse finire in una discarica.
    Un bacione da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  26. ...queste "cose" mi PIACCIONO un sacco ...anzi SACCHISSIMO !!!!!:)
    ...complimenti !!!!
    ciaooooo Vania

    RispondiElimina
  27. Una vera e propria opera d'arte.
    Come non congratularsi con il tuo "Mastro-Ciliegia" e con te per averci raccontato una favola per poi portarci alla realtà.

    RispondiElimina
  28. Il risultato è veramente ottimo.Felice serata;salutoni a presto

    RispondiElimina
  29. Molto bravo davvero complimenti
    Gio'
    http://remenberphoto.blogspot.com/

    RispondiElimina
  30. NOOOOOOOOOOO...

    Tornata rintronata....cosa vedono i miei occccccccccchi?

    Naaaaaaaaaaaaaaaaaa...

    Ahhhhhhh...se potessi averlo per i miei allestimenti...ahhhhhhh...lo riempirei di teneri orsetti!!!

    Che dire???

    Una MERAVIGLIAAAAAAAAAAAAA...attenzionea non tenere aperta la porta di casa...potrei venire a..."sgraffignarlo"!!!

    Baci di cuoreeeeeeeeee...smuack! ;o) NI

    RispondiElimina
  31. ciao Sandra,
    bellissimo questo tuo post che ci riporta indietro, molto in dietro negli anni.
    Noto che sulla spalliera del banco c'è appoggiata una cartella anni 40, uguale alla mia di allora, solo che era di legno, fatta probabilmente da un altro..... mastro geppetto.
    Quindi complimenti ad entrambi.
    un saluto da giuseppe

    RispondiElimina
  32. Sports activities form an essential part of each of our existence and lots of firms are usually connected inside producing classy plus crucial sporting events apparels. Many famous sportsmen suggest they and use these folks while in the match. You will discover variety of sports footwear as well as in addition to the expert a lot of people want to use these kind of brand name boots and shoes.
    nike mercurial vapor superfly series
    mizuno waggle ignitus k leather fg
    france away tutor jersey
    portugal away ground jersey

    RispondiElimina
  33. Grazie a te Rosy e bentornata.

    RispondiElimina
  34. Thanks Joop you are always so kind.

    RispondiElimina
  35. Penso anch'io che sia come una specie di poesia, Tiziano. Grazie.

    RispondiElimina
  36. Adriano,hai ragione ...anche qui lo spazio costringe spesso a delle scelte. Ma MAI buttare. Davvero.

    RispondiElimina
  37. Grazie Laura . Il mio mastro è tutto felice per questa valanga di complimenti.

    RispondiElimina
  38. Cristiana, mastro Ciliegia è Franco, il mio maritozzo.

    RispondiElimina
  39. Ambra , grazie. Confesso che mi piace davvero tanto.

    RispondiElimina
  40. Sì Marianna, l'abbiam proprio salvato.

    RispondiElimina
  41. Sììììì, Carla, è lui...in tuta ah ah ah!

    RispondiElimina
  42. Grazie Onda. Io li guardo, questi oggetti, e penso "chissà chi ci si è seduto, tanto tempo fa...che bimbo era...2". Mah...forse son da ricovero ah ah ah.

    RispondiElimina
  43. Sicuramente, vecchio lo è. Ciao Lu.

    RispondiElimina
  44. Matteo ne son felice...ma ...mi sembri un po' giovane per ricordare un banco così.
    :O)

    RispondiElimina
  45. Io non l'ho avuto da piccola...solo a scuola ed era a due posti. Franco ringrazia per gli elogi. Ciao Erika.

    RispondiElimina
  46. Grazie Ninfa.
    Anche a me raccontavano sempre Pinocchio. La faccenda delle bugie e del naso lungo mi ha piacevolmente "perseguitata" .

    RispondiElimina
  47. Grazie Caterina!
    Com'è trascorsa la prima giornata a scuola?

    RispondiElimina
  48. Milena, un nonno maestro ...che bello!

    RispondiElimina
  49. Vero Hyde, vero. Mani collegate al cervello. Del resto anche a scuola , fin da piccoli, il "se-faccio-capisco" dovrebbe essere la regola.

    RispondiElimina
  50. Accipicchia Gloria , hai fatto in tempo a vederli, così giovane!?
    Erano a due posti, però, vero?

    RispondiElimina
  51. Grazie Morena. Son contenta per i tuoi dolci ricordi...i miei, almeno per i primi tre anni, non lo sono altrettanto. Prima o poi ci faccio un post.

    RispondiElimina
  52. Sì, Adriana, sarebbe stato un vero peccato.

    RispondiElimina
  53. Luca e Sabrina, una stropicciatina alla cucciola!

    RispondiElimina
  54. Aldo, mastro Ciliegia ringrazia!

    RispondiElimina
  55. Grazie tante anche a voi , Cavaliere, Lucrezia e Dual!

    RispondiElimina
  56. Bentornata Nives...te lo presto ogni volta che vuoi, DAVVERO!

    RispondiElimina
  57. Giuseppe sei un osservatore. E' una cartella ma questa è di cartone, scovata in un mercatino. Ne avevo anche una di legno ma se l'è portata a casa sua mio figlio.Mi piacciono questi vecchi oggetti legati alla scuola del passato....sarà una deformazione professionale.

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...