***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

mercoledì 19 febbraio 2014

PICCOLI TESORI

     La pentola di alluminio borbotta sul fornello a gas e riempie di profumato vapore la piccola cucina. 
     La mamma, assorta nei suoi mille pensieri, sorveglia le grosse bolle che la zuppa di pane produce e tiene  a bada gli schizzi di brodo bollente manovrando con sapienza  il cucchiaio di legno.
     Il suo sguardo stanco ritrova luce posandosi sulla bimba che saltella nei pressi della stufa accesa ; le sta dicendo che fa freddo  e che  i calzettoni di lana non dovrebbero essere a ridosso delle caviglie ma ben tirarti fin sotto le ginocchia, quando la maniglia della porta - che non è  mai chiusa a chiave - si abbassa e il babbo entra insieme a una gelida folata di aria della sera.
     Ha un sorriso dolce, sornione e una mano occupata a reggere il cesto di legna che ogni sera porta dalla cantina fino su al quarto piano; l'altra mano è affondata nella tasca sinistra del ruvido cappotto nocciola dal disegno spinato. 
     Il borbottio della pentola si fonde di colpo con un misterioso e prolungato suono metallico proveniente da quella tasca.
     La bimba non saltella più e guarda il babbo che le sorride, le sorride con le labbra e anche con quei suoi bellissimi occhi azzurri: lei ora lo sa , è sicura che da quella tasca uscirà ... cosa uscirà mai...?
     Non saltella più e aspetta. 
   Aspetta e "ascolta", insieme a quel suono metallico, il dialogo muto di babbo e mamma; è un dialogo di  eloquenti e rapidi sguardi tra loro ... " ...ma cos'hai comprato mai? ...lo sai che si deve risparmiare..."...sì lo so, non avrei dovuto, ma..."

Da quella tasca uscì un gattino di latta caricato a molla che correva e si rotolava sul pavimento portando con sé una pallina colorata.
Per me, che ricevevo un solo giocattolo all'anno la notte della Befana, quella sera di febbraio del 1955 è una nitida fotografia a colori nella memoria del cuore. 
E quel gattino di latta è tra i miei tesori più preziosi.

43 commenti:

  1. Un bel post di ricordi, ma che lancia un bel significato contro questa società troppo consumista e senza valori.
    Saluti a presto.

    RispondiElimina
  2. Il Cavaliere ha riassunto perfettamente quello che volevo scrivere anch'io. Bella la figura della mamma ed anche del papà che mi ha fatto venire subito in mente l'espressione del mio quando stava per regalarmi qualcosa..Un regalo degno di essere ricordato dentro ad un momento degno di essere ricordato..
    Ciao Sandra.

    RispondiElimina
  3. Cara Sandra, è veramente un post che ci lascia un sorriso!!! ne abbiamo bisogno un po tutti.
    Tomaso

    RispondiElimina
  4. Grazie di questo tenerissimo ricordo della "memoria del cuore". Hai raccontato la scena così bene che...l'ho vista!
    Un abbraccio, carissima Sandra!

    RispondiElimina
  5. Questo post è una pagina di vita a colori!!!! Un saluto grande

    RispondiElimina
  6. Mi ci sono affezionato persino io leggendo, a quell'oggettino così pieno di significato e tenerezza.

    Un abbraccione.

    RispondiElimina
  7. Vabbè, taccio, però che bello leggere un post così.
    Cristiana

    RispondiElimina
  8. Penso di capire cosa si prova quando si rivede un oggetto così caro. I bravi ed amorevoli genitori sanno lasciare bei sentimenti e dolci ricordi che riempiono la vita e fan diventare belle persone capaci di essere brave mamme e brave nonne come te.

    RispondiElimina
  9. nascevo sette mesi dopo, ma quel giocattolo ha un qualcosa di familiare di tanto tempo fa quanto i giochi non erano tanto articolati.

    RispondiElimina
  10. Un ricordo dolcissimo! Ciao, Arianna

    RispondiElimina
  11. Che bel post…non ho mai avuto questo tipo di giocattoli ma ricordo bene i gattini a molla ed anche le scimmiette che suonavano i piatti…
    Un abbraccio
    Carmen

    RispondiElimina
  12. Sento qui nostalgia d'altri tempi e di altre atmosfere che si sono perdute con l'arrivo di un presunto benessere per tutti, trasformato oggi in povertà per tutti.
    Bello questo tenerissimo quadretto famigliare.

    RispondiElimina
  13. delizioso amarcord
    un abbaccio

    RispondiElimina
  14. Certamente quel gattino è tra i tuoi tesori più preziosi e hai fatto benissimo a parlarne accompagnando la foto con le tue dolci e tenere parole.
    Un caro saluto,
    aldo.

    ps. il regalo più prezioso a me tanto caro è stata in regalo dai miei una piccola scatola di costruzioni in legno.

    RispondiElimina
  15. ciao Sandra, bellissima storia emozionante ci si immedesima in quei tempi, bellissimo il gattino per quello che rappresenta, rimarra' sempre un caro ricordo, ciao grazie buona giornata rosa.

    RispondiElimina
  16. Ma lo sai che io avevo un cagnolino simile? Che bei ricordi, cara Sandra!

    RispondiElimina
  17. Commovente e bel ricordo della tua infanzia!
    Io avevo un bambolottino piccolo e di latta che gattonava: devo avercelo in montagna...

    RispondiElimina
  18. sono queste le cose più preziose altro che soldi e gioielli ma queste piccole cose.....conservalo con cura....e sarà stupendo passato a tuo nipote un gg....baci.glo

    RispondiElimina
  19. Certi ricordi ci accompagnano per tutta la vita e ci riscaldano il cuore.
    mentre leggevo, ho immaginato la scena.
    Un tesoro di ricordo.

    RispondiElimina
  20. ma che bello questo post. Mi piace.

    RispondiElimina
  21. bello questo pezzo della tua storia personale a me invece ricordo un scimmietta a molla che suonava dei piattini, unico regalo di sempre, eppure ero felice come una pasqua

    RispondiElimina
  22. Amo i tuoi piccoli-grandi tesori ! Un abbraccione

    RispondiElimina
  23. Hyde, quegli sguardi sono impressi a fuoco nella memoria. Grazie.

    RispondiElimina
  24. Felice di esportare sorrisi. Grazie Tomaso.

    RispondiElimina
  25. Contenta di esserci riuscita. Grazie Annamaria.

    RispondiElimina
  26. Ricordi a colori nitidissimi! Ciao Simo, grazie.

    RispondiElimina
  27. Ciao Cristiana; senza parole...tu. Da non credere, ah, ah, ah!

    RispondiElimina
  28. Sai Madame che scrivendo pensavo con tanta tristezza a tutti i tuoi ricordi portati via per sempre da quegli orribili figuri...

    RispondiElimina
  29. E ora sono pezzi rari e anche un po' costosi! Che mondo buffo.
    Grazie Ranata.

    RispondiElimina
  30. Grazie Arianna. Per fortuna l stragrande maggioranza dei ricordi di infanzia è dolce.

    RispondiElimina
  31. Sìììì, Carmen è vero. C'era anche una scimmietta che sbatteva i piatti: molto diffusa a quel tempo; ne aveva una il mio cuginetto.

    RispondiElimina
  32. Grazie Ambra. Un po' di nostalgia ..sì. Ma , devo dire, non troppa. Per fortuna sogno ancora e sono più proiettata verso il futuro, non tanto al passato. Ma i ricordi sono comunque una dolce compagnia ogni tanto.

    RispondiElimina
  33. Grazie Gabe. Un abbraccio a te e alla bella Sicilia.

    RispondiElimina
  34. Grazie Aldo. Alcuni oggetti si caricano di significati, vero?
    Un abbraccio a te.

    RispondiElimina
  35. Erika,... ce l'hai ancora il cagnolino di latta?

    RispondiElimina
  36. Sì, un oggetto carico di significati. Grazie Rosa.

    RispondiElimina
  37. Eh...mi ricordo anche questo bambolotto che gattonava; lo si vedeva nelle vetrine dei "giocattolai" e, soprattutto, sulle bancarelle alle fiere. Grazie Lella.

    RispondiElimina
  38. Chissà se lo vorrà, mio nipote. Lo spero. Grazie Gloria.

    RispondiElimina
  39. Rosy, era il mio intento: fare immaginare la scena. Grazie mille.

    RispondiElimina
  40. Carmine...sì, mio cugino aveva quella scimmietta e me la ricordo bene.
    Eravamo davvero felici per questi piccoli doni.
    Grazie, a presto.

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...