***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

sabato 14 gennaio 2012

Per Sant’Antànni a pèga chel dànni.

OVVERO
Il giorno di Sant'Antonio pagano le donne
Martedì 17 gennaio a Modena è GIORNO DI FIERA: più di cinquecento bancarelle in centro storico, una sorta di prova generale per la GRANDE FIERA DEL PATRONO, il 31 prossimo, SAN GEMINIANO.
Festa che ha radici lontane, nel passato "contadino" della mia città: ne ho parlato QUI lo scorso anno e non sto ripetermi.
Come si sa, questo santo è il protettore degli animali...sarà per questo che le donne , qui, "festeggiano" gli uomini comprando per loro un piccolo dono in questo giorno ... ah...ah...ah! 
Il tutto con ironica benevolenza , ovviamente.

84 commenti:

  1. Sono sempre affascinanti per me queste tradizioni rurali".
    S. Antonio è il protettore degli animali e ricordo che quando venimmo ad abitare qui in campagna, il parroco di allora, faceva sapere che sarebbe andato a benedire gli animali nelle stalle o nell'aia.
    Bel post.
    Ciao Sandra!
    Lara

    RispondiElimina
  2. Ciao Sandra! paese che vai e usanza che trovi,
    buona serata

    RispondiElimina
  3. Ciao cara, é una bella festa e bella usanza ahahah... mi fai ridere.
    Un abbraccione e buon fine settimana

    RispondiElimina
  4. Intanto, se tu non avessi messo la traduzione non avrei capito un'acca di quello che c'era scritto. Ma da che ceppo ostrogoto viene il tuo dialetto? (ih ih).
    E poi insomma mi sembra che a Modena ogni scusa sia buona per festeggiare con fiere, mercatini, bancarelle e chi più ne ha, più ne metta.

    RispondiElimina
  5. quante belle cose posti, ma il sant'Antonio che dici tu non è quello da Padova di dov'è
    ciao buona serata

    RispondiElimina
  6. io prenderò una essenza di pino da bruciare in casa....aria buona!!!

    RispondiElimina
  7. Quante manifestazioni interessanti a Modena...

    Buona domenica, Sandra!

    RispondiElimina
  8. Festività come questa mi emozionano sempre un po'!

    RispondiElimina
  9. TESORA!!!

    Si...si...è vero...embè è nostro MONOPOLIO comprare agli ometti la "fèra" per S. Antonio.

    Come dici TU! ;o)

    A buon intenditore poche parole! ;o)

    Kisssssss...NI

    RispondiElimina
  10. Sandra, tienici informati ....spero che ci dedicherai un reportage
    Buona serata!

    RispondiElimina
  11. dev'essere una bella prova generale!
    bacioni

    RispondiElimina
  12. Mi hai decisamente incuriosita... aspetto con impazienza un tuo reportage ^___^
    Buona domenica
    nonnAnna

    RispondiElimina
  13. Aspetto i tuoi racconti. Ciao cara Sandra.

    RispondiElimina
  14. Divertente battutina finale
    ;-)
    Grazie delle info in merito a questa manifestazione,
    prendo atto e segno in agenda...non si sa mai!

    Un bacio ^_^

    M@ddy

    RispondiElimina
  15. ciao Sandra,grazie, e' una bella festa, sentita anche qui da noi, fanno le bancarelle, bella la battuta finale ahahah, ciao buona domenica rosa a presto:)

    RispondiElimina
  16. Sono andata a leggere il post dello scorso anno perché mi piace conoscere le usanze delle altri luoghi. In Campania il giorno di Sant'Antuono si fa il "focarone", un grosso fuoco, nelle piazze dei centri storici e si benedicono, anche in chiesa, gli animali. Mi piace la vostra tradizione di regalare qualcosa ai maschi, chissà se ne capiscono il senso! Buona domenica, Laura

    RispondiElimina
  17. Cara Sandra
    una volta questo S.Antonio veniva chiamato il S. Antonio dei porcelli,per distinguerlo dall'altro S.Antonio di Padova.
    Ciao Stefano

    RispondiElimina
  18. Cara Sandra, invece a Milano Sant'Antonio, insieme con San Mauro e San Marcello, si dice che porti la neve!
    Sarà poi vero? Dubito, visto il clima di quest'anno!

    RispondiElimina
  19. Stupendo...allora festa grande da te!!??
    ciaooo Sandra

    RispondiElimina
  20. Non capisco perché a queste feste padronali, si dà sempre risalto più all'aspetto materiale che a quello religioso. Mi viene in mente l'episodio di Gesù che in diverse occasioni, trovò nel tempio quelli che vendevano bovini e pecore e colombe e i cambiavalute ai loro posti.E fatta una sferza di corde, scacciò dal tempio tutti quelli che avevano pecore e bovini, e versò le monete dei cambiamonete e rovesciò le loro tavole. E disse a quelli che vendevano le colombe: “Portate via di qua queste cose! Smettete di fare della casa del Padre mio una casa di mercato!
    Che coraggio, che zelo,da imitare sicuramente.
    Un abbraccio. Edo

    RispondiElimina
  21. Mi sono persa anche qui qualche post...ho sempre così poco tempo e non riesco mai a fare il giro di tutti come mi proprongo. Pazienza. Ma sono qui adesso e ti lascio un saluto oltre ll'augurio di una buona settimana

    RispondiElimina
  22. fin che mio nonno era in vita...il capostipite....in casa era un gg di festa...ci si riuniva tutti a casa sua....ricordi di quand'ero bambina...glo

    RispondiElimina
  23. 5oo bancarelle? Io impazzirei, cara Sandra. Da voi le donne hanno capito, prima che nel resto d'Italia, con chi hanno a che fare, allora.
    Ridiamoci su, va.....
    Serena nuova settimana.

    RispondiElimina
  24. Grazie Lara. Anche io ricordo la benedizione degli animali nelle campagne.

    RispondiElimina
  25. felice di renderti allegra, Caterina.

    RispondiElimina
  26. Ambra...dialetto che è un bel miscuglio: Romani e poi Galli Boi e Celti...Longobardi...Francesi (tirabusoun=cavatappi e stabuchèr=inciampare , per esempio). Un argomento interessante...devo farci un pensierino per un testo.

    RispondiElimina
  27. Maria Grazia...non è il Sant'Antonio di Padova ma Abate, quello che protegge gli animali, appunto...se vai al post precedente seguendo il link trovi qualche info in più.

    RispondiElimina
  28. Grazie Gianna, buona settimana.

    RispondiElimina
  29. Anche a me piacciono molto, Adriano. Ogni fiera è una festa grande, come quando ero.... piccola.

    RispondiElimina
  30. Poi per San Zemiàn...tocca loro...eh...eh...eh! Ciao Ni.

    RispondiElimina
  31. Lu è la prima "festa" cittadina dell'anno.

    RispondiElimina
  32. farò il possibile Nonna Anna, grazie!

    RispondiElimina
  33. Tiziana sono un po' in fase..."ruminante" :O) ma arrivo!
    Grazie.

    RispondiElimina
  34. Già, davvero mai dire mai vero Maddy?

    RispondiElimina
  35. Rosa non ci spero più di avere il tuo indirizzo...la sciarpetta che avevi vinto ha preso un'altra strada....non potevo più aspettare.
    Ciao, grazie per il commento.

    RispondiElimina
  36. Grazie Laura per la rilettura del post "vecchio"...Per il fuoco: ha un senso, visto le implicazioni che ha .
    E' un santo che ha devoti un po' in tutte le campagne d'Italia.

    RispondiElimina
  37. Esatto, Stefano. Proprio così.

    RispondiElimina
  38. Lellina...mah...in effetti dovrebbero essere le settimane più fredde dell'anno anche qui. Dovrebbero....

    RispondiElimina
  39. Beh Edoardo non e proprio esattamente come dici tu. L'aspetto di devozione e religioso ha, come spiego nel testo , radici lontane ...se segui il link ne ritrovi alcune tracce. Poi sai la tradizione contadina ha da sempre legato religiosità e festa...non credo c'entri molto il "mercanteggiare nel tempio" . Ma , da non credente quale sono, posso anche sbagliare.

    RispondiElimina
  40. Ciao Paola non temere e non preoccuparti...quando puoi sei sempre la benvenuta. Buonissima settimana.

    RispondiElimina
  41. Gloria anche i miei ricordi sono simili: quando era ancora in vita mia nonna queste feste avevano un altro sapore.

    RispondiElimina
  42. Sì Erika, ridiamoci su!Poi sai...il 31 gennaio è la festa del Patrono e si replica: allora tocca ai maschietti offrire un dono alle donne.
    Una volta o l'altra devi venire!

    RispondiElimina
  43. Oh già, ci veniamo tutti gli anni, ma non so se ci riusciremo questa volta, Luca ha tanto lavoro in questi giorni, mi piacerebbe tanto tornarci, è una bellissima fiera.
    Baci e buona settimana
    Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  44. Grazie per avermi chiesto il consiglio sul dolce, cerco di risponderti anche se la scelta dipende sempre dai gusti. Dal mio blog puoi scegliere ad esempio la "Torta di mele al caffè", la "crostata cioccolato e banane" o il "dolce allo yogurt al limone" ma quest'ultimo dovresti servirlo con una crema, magari al limone. Purtroppo non ho pubblicato ricette di dolci al cucchiaio che pure sarebbero adatti. Buona settimana, Laura

    RispondiElimina
  45. Anche da noi si festeggia questo santo... c'è la benedizioni degli animali e... grandi falò su cui si cuoce alla brace di tutto.
    Buona settimana

    RispondiElimina
  46. Al mio paese il 22 ci sarà la benedizione degli animali una festa molto partecipata...e allora si vedono bestiole di tutti i tipi, dai criceti, ai cani, gatti, pecorelle, maialini, volattili di tutti i tipi anche cavalli.
    Dopo la benedizione noi del Gruppo culturale con l'AUSER Filo d'argento, associazione di volontariato, offriamo il rinfresco con the, cioccolata calda, biscotti e bibite con spremute d'arancio, pompelmo e limone....(ci vuole la vitamina C...).
    Ciao
    un abbraccione
    Bruna

    RispondiElimina
  47. He descubierto tu blog y me ha gustado mucho. Desde hoy te sigo si lo deseas te invito a conocer mo blog y si es de tu agrado, me gustaría tenerte como seguidora y así poder seguir en contacto. Saludos.

    Manoli.

    RispondiElimina
  48. Carissima Sandra, magliaia perfetta...è arrivato il tuo dono...morbido, caldo, davvero unico! Mi è piciuta la "chicca" dell'etichetta...sei troppo forte!!! Mancava solo la scritta Made in Modena!!! Grazie Sandra, mi servirà in questi giorni dove a tenerci compagnia è una splendida ma gelatissima galaverna...Un abbraccio! Laura

    RispondiElimina
  49. Sì, me lo ricordavo il post dell'anno scorso ed oggi imparo questo detto in dialetto riferito al Santo. Un'usanza curiosa quella che ci hai riferito, Sandra visto che di solito (sempre meno?) sono gli uomini che offrono. Eh, la spiegazione di questa tradizione può essere proprio quella che simpaticamente dici tu...Buona giornata di fiera!

    RispondiElimina
  50. ciao,
    arrivo a te tramite Gianna...
    che tradizione curiosa :)

    ciao, federica

    RispondiElimina
  51. Ecco adesso siamo il 17...je cherche qui pourra me payer un sympathique déjeuner ce midi...
    Belle journée.

    RispondiElimina
  52. Hoé, ché strana la traduzione del titolo del tuo messagio :
    La journée des femmes païennes Sant'Antonio
    pagare è tradutto in pagano
    La femme qui paie est une femme païenne..La morale de cette traduction c' est que de payer un repas en tant que femme c' est de n' être pas une bonne chrétienne?
    A presto!

    RispondiElimina
  53. Bella questa usanza, mi piace molto che per "Sant'ànni a pèga chel dànni"
    ma loro che dicono? Sono d'accordo tutte?

    RispondiElimina
  54. città festaiola,e quest'usanza è proprio carina,ma l'interpretazione che nei dai non dovrebbe far felici i maschietti,un abbraccio

    RispondiElimina
  55. Viva Sant'Antonio protettorre degli uomini :-) che belle le feste di paese. C'e' sempre un'atmosfera particolare, dove la gente si incontra e insieme festeggia.

    RispondiElimina
  56. ciao Sandra
    sono passata per ringraziarti...mi è arrivato il pacco,stamani
    E' bellissima la sciarpa ed è perfetta.
    Bacioni

    RispondiElimina
  57. Luca e Sabrina, grazie....ho poi finito con il rimanere in casa : niente fiera, troppo freddo e poca voglia!

    RispondiElimina
  58. Ciao Laura, grazie per i preziosi consigli: son venuta a vedere...che buone. Avevo deciso per quella con le banane e il cioccolato...poi gli amici dai quali andiamo a cena mi hanno fatto una precisa richiesta: la mia torta al limone. Ho quella in forno, ora.

    RispondiElimina
  59. Bella anche la tradizione dei falò, Zicin. Qui si faceva un tempo, nelle campagne.

    RispondiElimina
  60. Significativa e bella anche da te, questa festa, Bruna!

    RispondiElimina
  61. Muchisimas gracias, Nela!Bienvenida!

    RispondiElimina
  62. Grazie MaestraLaura, sono contenta!

    RispondiElimina
  63. Mah, Ninfa,...non so da dove derivi. Fin da quando ho memoria : si va "in fiera" e si compra qualcosa per donarlo. Per sant'Antonio, le donne agli uomini. Per San Geminiano, viceversa.

    RispondiElimina
  64. Ciao Federica, grazie e benvenuta.

    RispondiElimina
  65. Aldo ...è una tradizione abbastanza radicata. Almeno per le persone un po' "stagionate"...come me!
    ;O)

    RispondiElimina
  66. Gabe...l'interpretazione è scherzosa e ci si ride su.
    Ciao
    :O)

    RispondiElimina
  67. Grazie Chris...ma...ti dai dell'animale...da solo...ah...ah...ah...non esagerare, è solo un modo scherzoso di interpretare la cosa. Sei simpatico.

    RispondiElimina
  68. Lu...ero felice poco fa quando ho visto questo commento . Poi son venuta da te per augurarti buon compleanno...il resto lo sai...mamma mia come sono stordita.

    RispondiElimina
  69. Sono approdata al tuo blog per caso e sono rimasta davvero affascinata. Il tuo post sulle tradizioni contadine e sulle bancarelle (500!!!) mi ha fatto venire voglia di fare un salto a Modena ...magari il prossimo anno. Complimenti per il blog che intendo visitare bene perché trovo molto interessanti i tuoi argomenti. Ciao

    RispondiElimina
  70. Grazie Anthea, molto contenta di conoscerti. Grazie per il commento: spesso i nuovi lettori sono irraggiungibili perchè non scrivono nulla e nel loro profilo non compare il link al blog. Verrò a trovarti tra le tue pagine...oggi ho poco tempo perchè devo fare la nonna.
    Se ti piacciono le fiere e le bancarelle: il prossimo 31 gennaio qui a Modena si replica: festa del Patrono...la fiera di Sant'Antonio è nulla in confronto. Se capiti qui...ben felice di farti da cicerone.

    RispondiElimina
  71. Ehilà...
    Versus...forse hai ragione tu...ah...ah...ah!

    RispondiElimina
  72. Ciao Sandra, come va? tutto ok? un abbraccio

    RispondiElimina
  73. E tu cosa hai regalato al tuo uomo?

    RispondiElimina
  74. carissima Sandra
    sono passata per rincuorarti.
    E' tutto ok.
    Un bacio

    RispondiElimina
  75. Rita...un bel pezzettone di croccante, in pieno "stile-fiera" !

    RispondiElimina
  76. Simo...GRAZIE! Sai, ho avuto giorni migliori ...ma non mi lamento .
    :O)))

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...