********************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

mercoledì 6 febbraio 2013

RESTYLING DI UN CAPPOTTO DI MAGLIA


realizzato molti anni fa utilizzando un magnifico e costoso filato di lana morbidissima: una serie di punti "stile Irlanda" visti  su un mensile  di lavori a maglia che non sono più riuscita a trovare...ma non ho perso le speranze. TROVATO: è un modello Filatura di Crosa, realizzato con g.1700 di filato "Clara" color panna, pubblicato sulla rivista Benissimo nell'ottobre 2000

L'ho indossato forse un paio di volte  e poi messo da parte perché poco pratico (lunghezza alle caviglie!) e troppo delicato per la vita su-giù dall'auto e dentro-fuori l'aula scolastica.

Da un paio d'anni lo prelevavo dall'armadio in autunno  con l'intenzione di indossarlo; poi finivo per  tenerlo mesi in giro per casa , lanciandogli occhiate di traverso, fino a riporlo a Primavera: non mi ci vedevo più, mi sentivo un po' orso polare sul pack.

Ma questo inverno ho deciso: lo rimoderno!

(sguardo critico allo specchio: maniche cadenti, lunghezza alle caviglie....TROPPO!)
Volete vedere come è diventato?

Bene. Prima tutta la procedura.
Scucio i pannelli del dietro e dei due davanti: per fortuna i punti sono ben individuabili.
In ciascun pannello taglio la prima maglia all'altezza giusta lungo il bordo, dopo aver deciso quanti centimetri di lunghezza eliminare. Poi sfilo i punti uno per uno
e li raccolgo su un ferro aiutandomi con uno spillone raccogli punti.
Stessa operazione per il fondo delle maniche.
Quindi lavoro nuovi polsini con risvolto a punto costa ritorta
e chiudo il fondo con due centimetri lavorati a punto tubolare.
Risistemo anche la chiusura del colletto che si era molto allentata.

Et voilà...adesso è così:

Guastando i pezzi tagliati ho anche recuperato circa 400 g. di filo
che ho lavato e rimesso a nuovo usando la tecnica che ho descritto QUI.
Ora mi ritrovo tre-quattro belle matasse ... che fare?

76 commenti:

  1. ciao sandra, ma e' bellissimo!!

    a me piaceva anche com'era prima!!
    che bello mi piace tantissimo!!
    sai se lo vuoi comprare costa molto, potresti anche aprire un negozio online che ne dici?sei bravissima!!
    baci e buon pomeriggio ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero, da nuovo - anni fa - anche a me piaceva tantissimo lungo fino quasi ai piedi! Ma non ho più l'età e forse è anche un po' sorpassato.
      Grazie Nanussa.

      Elimina
  2. Ciao Sandra!!!è davvero BEL-LIS-SI-MO!!!!mi piace tantissimo, la lunghezza è ragionevole, ora!!e mi piace un sacco il lavoro..e immagino sia anche molto caldo!!
    sono sicura che presto troverai qualcosa da fare con le matasse recuperate!!
    bravissima!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caldo anche troppo: questa mattina al supermercato ho fatto una mezza sauna. Grazie Marianna. Con il recupero ho una mezza idea per una borsa....

      Elimina
  3. Ma si, confermo, è bellissimo e anche a me piaceva anche prima, però sicuramente era troppo lungo. Ma quanto tempo hai impiegato per disfare e rifare? E' vero che tu sarai abilissima e velocissima, immagino.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ambra , come bene immaginerai disfare è un attimo;forse un'ora perché tagli una magia e sfili i punti uno per uno , un po' come quando guasti un ferro che ti è venuto male.
      Per rifinire , poi, ho fatto presto perché si è trattato di lavorare una decina di ferri per il fondo e pochi di più per i polsi....mah...forse quattro o cinque ore.

      Elimina
    2. La "magia" ovviamente è la MAGLIA...ah...ah...ah!

      Elimina
  4. Fantastico, Sandra!!!
    Ammiro con tutto il cuore la tua bravura!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. "Mestieri" che si imparano da piccoli non si dimenticano più .

      Elimina
  5. Bellissimo e caldo e poi...la modella lo esalta ancora di più.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie. Mi "balenottera" un po' ma pazienza. ;)

      Elimina
  6. Il cappotto è diventato bellissimo, ma secondo me è la modella che lo ha migliorato :))

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ossignuuuur ma quanti complimenti...grassssie.

      Elimina
  7. Ciao Sandra, che bellissimo lavoro..era un vero peccato lasciarlo nell'armadio...almeno così qualche volta lo indosserai!
    P.s. mi hai fatto ricordare del maglione irlandese in lana grezza di mio marito...anche quello in un cassetto da anni..praticamente un cappotto, forse andrebbe bene in Lapponia! E mi sa che lo disferò!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se è fatto a mano e non lo usa, ti conviene: si recupera una bella matassa . E con le tue idee riciclose....siamo a posto!

      Elimina
  8. FANTASTICOOOOOOOOOO sei veramente brava...
    Tante serene e gioiose giornate
    nonnAnna

    RispondiElimina
  9. È favoloso , Sandra!!!! Sei bravissima super! A volte basta poco per dare un'aria nuova agli indumenti..
    basta un po' di buona volontà e un pizzico di fantasia.
    Buona serata

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Paola. E visto che è di nuovo venerdì (ma quanto corre??!!) buon fine settimana.

      Elimina
  10. Ora è molto più bello e indossabile, brava! Con la lana recuperata perchè non fai un bel cappellino?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, è molto più pratico. Cappello? Devi sapere che non mi vedo bene con nessun cappello di maglia...credo che farò una borsa. Chissà quando...

      Elimina
  11. Hai fatto un ottimo lavoro, prima a lavorarlo tutto e poi a rimodernarlo, bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, un lavoraccio. Soprattutto farlo. Ma mi piaceva troppo. Adesso ancora di più. Grazie.

      Elimina
  12. So che è stato un lavoraccio, ma ora hai un fantastico cappottino più pratico e sfruttabile. Bravissima!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ne valeva la pena, lo penso anch'io. Grazie Lilla.

      Elimina
  13. Che brava che sei Sandra ! Io non so nemmeno tenere l'ago in mano ! E' venuto troppo bello ! Sembra caldissimo e anche avvolgente..è coccoloso !

    RispondiElimina
  14. Guaeda guarda che bella signora emiliano-romagnola quant'è elegante!!!
    Complimenti.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Aldo. Mi sa che andrebbe bene anche come coperta sulla tua sedia a dondolo!

      Elimina
  15. Fantastico! Sei una donna tutto fare. Un abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi arrabatto qui e lì e son sempre indietro con tutto...ah...ah...ah!

      Elimina
  16. Bravissima e hai avuto molta costanza nel farlo con tutti quei punti elaborati è venuto molto bene anche il restauro....mi ricordo che tanti anni fa avevo fatto al "moroso" un maglione simile!!!!!
    Visto che ti è rimasto del filo perchè non fai anche un bel berrettone!!!!
    un caro saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Potrei fare un berrettone ma per regalarlo: io non mi ci vedo proprio, con nessun tipo di berretto...mi vedo orrenda.

      Elimina
  17. Le mani di fata anno fato un bellissimo lavoro
    le cose troppo lunghe non mi sono mai piaciute,
    ciao Sandra buona serata.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E questo era davvero lungo...un enorme vestaglione!

      Elimina
  18. che lavorone questo cappotto!!!
    hai fatto bene a rimodernarlo e trovo che ti sta davvero bene!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ora finalmente lo metto. Grazie Giu.

      Elimina
  19. Brava Sandra è bellissimo e senz'altro caldissimo!Ciaoooo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una vera coperta termica, ti assicuro!

      Elimina
  20. Sono già passata da FB...ed ora anche qui confermo...bellissima la trasformazione! Un abbraccio. Ni

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sai da quanto ci pensavo! ma temevo di combinare guai...invece no.

      Elimina
  21. Un "lavorone" il capo originale: avrai sferruzzato per mesi!
    Ottimo risultato quello ottenuto con la versione rimodernata.
    Ti ammiro assai perché sia nell'uno che nell'altro caso io non avrei saputo da che parte farmi.
    Ciao.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Occorre tempo, è vero. Soprattutto perchè è elaborato. Sul giornale è classificato come "difficile". però il filato grosso aiuta molto. Grazie Krilù, buon fine settimana.

      Elimina
  22. Non sei brava, sei super. Io so lavorare a maglia ma mai sarei riuscita a fare un lavoro come quello che hai fatto tu. E' molto bello.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mariella, tu che hai eseguito quella bella copertina con il punto tanto elaborato...sai fare benissimo anche questo, ti assicuro!

      Elimina
  23. Ah, ma sei anche tu una creativa, e con la maglia poi! Certo che noi donne siamo fantastiche, sappiamo far lavorare mente e corpo all'unisono, e questo ci fa essere "praticamente perfette", come Mary Poppins.
    Mi sembra un ottimo compromesso quello che hai trovato con il tuo cappotto e ti sta anche molto bene.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido l'alta opinione del genere femminile...ah...ah...ah! Grazie Luz

      Elimina
  24. Il restyling ha dato nuova vita al tuo cappotto che è MAGNIFICO!!
    Morena

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, ha cambiato decisamente faccia. Grazie Morena.

      Elimina
  25. sono rimasta sbigottita.....sei una maestra anche in questo.....e ora che fai delle altre matassine?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso realizzerò una borsa....ma ora ho tre progetti-dico tre- sui ferri...non ce la posso fare!

      Elimina
  26. Un capolavoro molto bello e originale, sia prima che dopo. Complimenti! :)

    RispondiElimina
  27. Ma che brava che sei!
    Io coi ferri e lana non ci capisco quasi nulla. Ma quanto sono belli i tuoi lavori quello sì che so vederlo!
    A dire il vero ho provato anche a seguire i tuoi passaggi, alla fine ho applaudito, ma non oserei infilare nemmeno un mignolino in mezzo alla lana! ^_____^
    Bacio.
    Nunzia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. In compenso li infili magnificamente tra le perline...che sono così PIIIIIIIIIIIIICCOLEEEEEEEEE. Al solo pensiero mi si intrecciano I DITI!

      Elimina
  28. Come bello! Sei bravissima! Forse, fare una borsa?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Detto da una maestra quale tu sei...è un gran bel complimento. Sì, penso a una borsa....

      Elimina
  29. sandra è bellissimo e molto alla moda!! brava instancabile e reciclosa sandra! :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi illudo di essere instancabile...ma ormai , mica tanto: mi riduco uno straccetto e mi incavolo pure perché non ho tempo. Pensa te...

      Elimina
  30. Ma sei stata bravissima!!!! Anch'io all'epoca compravo Benissimo ed ho fatto molte cose che purtroppo sono finite nel dimenticatoio...mi hai dato una bella idea e se trovo il tempo....grazie!
    Un abbraccio
    Patrizia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il lavoro a maglia sta vivendo una stagione molto felice: da un po' è tornato d'attualità "alla grande". Grazie Patrizia.

      Elimina
  31. Sandra è splendido! E splendida tu! Certo che ne sai una più del diavolo eh?;-)
    Bacioni

    RispondiElimina
  32. I dettagli tecnici, va da sé, non li capisco, ma trovo quel cappotto, già bello di per suo, ancora più elegante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Adriano. Ho cercato di utilizzare qualcosa che mi era costata tanta fatica e denaro. Sono soddisfatta dell'esito.

      Elimina
  33. hai fatto un'ottimo lavoro,così è molto più bello oltre che pratico!
    Che fare della lana?Troverai di sicuro un'uso appropriato

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Lu. Un lavoraccio ma sono contenta del risultato. Con l'avanzo penso che farò- non so quando- una borsa.

      Elimina
  34. Sono la tua ammiratrice :)! Sei bravissima, cara amica!
    Baci e buon fine settimana

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Caterina. Buon fine settimana anche a te. Bacino per Adam.

      Elimina
  35. Sandra ha proprio cambiato faccia il tuo cappotto di lana.
    Sono proprio curiosa di sapere cosa farai delle matasse rimaste.
    Buon W.e. a presto,
    Ele

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Penso diventeranno una borsa. Non so quando: ho mille cose iniziate e da finire!

      Elimina
  36. hai rinnovato un capo in modo eccellente,caldo e morbido per combattere l'inverno rigido della vostra zona,buona domenica Sandra "mani d'oro"

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sì, molto utile qui. Oggi sembra primavera, almeno fino a qualche ora fa. Ma l'inverno è sempre un po' in agguato, almeno finché non arriva marzo. Buona domenica Gabe.

      Elimina
  37. Avevo fatto i complimenti già su FB. E' meraviglioso e tu grande. Qui tanto freddo ... Ciaoo

    RispondiElimina
  38. ciao, come state?non tanto tempo per passare per blog, ma finalmente riesco a darti un salutino.
    è davvero un capolavoro! hai fatto bene a recuperarlo, era un peccato non indossarlo! complimenti! un grande abbraccio Alessandra

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...