***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

sabato 19 novembre 2011

UNO SGUARDO DALL'ALTANA

Sono nata e cresciuta in centro storico e quindi sono, come dice Pino Ligabue, una Zemiàna (la "z" si pronuncia come la "s" nella parola chiesa) come tutti i modenesi nati entro la cerchia delle mura.
Da piccola giocavo in questa piazzetta
Allora non era così: non c'erano gli alberi e  nemmeno la fontanella; la pavimentazione era in terra battuta. 
Una volta, avrò avuto forse otto anni, trovai una banconota da  cinquanta lire; era un rettangolino di carta verde tutto stropicciato e seminascosto tra polvere e sassolini: reprimendo il senso di colpa la nascosi in cantina e  "campai" a caramelle per non so quanto tempo!
Proprio sotto questo portico si affacciava il portone di casa "mia".
Eccolo, sempre uguale, nel sole del mattino

Ora mi sembra tanto piccolo ma da bambina lo vedevo enorme. 
Ho imparato a giocare a palla-a-muro proprio lì, sotto il numero civico. 
Ogni tanto noi bambini lanciavamo i due capi di una grossa fune (prestata dal riparatore di biciclette di qualche portone più in là) oltre il ferro che unisce i due lati dell'arcata del portico e, con l'aiuto di un cuscino,  ci costruivamo una favolosa altalena.
Altre volte bastava salire le scale, settantadue altissimi scalini, ed arrivare al quarto piano: lassù c'era casa "mia".
Le finestre sono ancora al loro posto e quella aperta era, allora, la mia stanza. 
Da una scala interna si raggiungevano i solai e da lì, pur non trattandosi di una vera e propria altana, si dominavano i tetti in cotto del circondario. L'esplorazione dei solai era un gioco davvero affascinante e, a volte, piacevolmente "pauroso" !
I miei genitori erano in affitto e diversi anni fa dovettero lasciare quel bellissimo appartamento (ora lo ricordo così), grande quanto tutto il quarto piano . 
L'interno caseggiato è stato successivamente ristrutturato e oggi  non potrei più ritrovare le atmosfere di allora ma l'esterno è ancora lì tale e quale; invidio molto chi ha potuto conservare la casa della propria infanzia.
*****
ALTANE MODENESI
"Altana: piccola e caratteristica costruzione a loggia sul tetto di un fabbricato. Un tempo, nelle ville di città e di campagna modenesi, ospitava lo stenditoio per la biancheria o la piccionaia.....


Qualche volta, quando era particolarmente ampia, poteva anche ospitare il custode o altra servitù". Da "Dizionario enciclopedico del dialetto modenese", di Sandro Bellei.




103 commenti:

  1. Altana è un termine usato anche a Venezia, con, più o meno lo steso significato. Anche dalle altane veneziane si godono dei bei panorami su ogni angolo della città. I veneziani, d'estate, usano abbronzarsi al sole, distesi magari su un asciugamano o lettino, su queste altane .
    http://www.veneziasi.it/content/view/?id=2360&Itemid=492&lang=it
    e qui per le immagini:
    http://www.google.it/search?q=altane+a+venezia&hl=it&prmd=imvns&source=lnms&tbm=isch&ei=4wPITuWGOMe1hAf1xNzLDw&sa=X&oi=mode_link&ct=mode&cd=2&ved=0CBMQ_AUoAQ&biw=1280&bih=899

    RispondiElimina
  2. Che bel post, Sandra!
    Invidio anche io chi ha potuto conservare la casa della propria infanzia (ho fatto scattare una foto a mio fratello che abita poco lontano proprio il mese scorso per averla come ricordo)

    RispondiElimina
  3. spesso i nostri ricordi si attaccano alle mura, non è certo il senso della proprietà; diciamo che è quella, a volte struggente, nostalgia ... ciao

    RispondiElimina
  4. Che belle le altane, e i ricordi dell'infanzia..anch'io sono nata nel centro storico della mia città, Bergamo Alta, e vi ho abitato sino a 16 anni..purtroppo poi siamo dovuti andar via, la casa era in affitto e dopo la ristrutturazione è stata venduta a prezzi per noi proibitivi.. ma io ci ho lasciato un pezzo di cuore!

    RispondiElimina
  5. I like these lovely photo's.....well done Sandra

    RispondiElimina
  6. Un felice cobbubio tra commozione
    del ricordo e bellezze architettoniche.
    Ricordare è una delle più belle soddisfazioni della gente.

    RispondiElimina
  7. un gran bel post si rivede tutto sotto un altra luce un altro aspetto, mi hai fatto conoscere un aspetto si questa città che ignoravo

    RispondiElimina
  8. A distanza di tempo...il passato è visto sempre più bello...

    RispondiElimina
  9. Anch'io ho nostalgia della casa della mia infanzia! Bei ricordi!

    RispondiElimina
  10. Ne avevi parlato e le avevi mostrate ad Ambra e a me le altane quando siamo venute a fare quel giro a Modena, a maggio, e ne eravamo rimaste affascinate. E' molto bello ricordare tutto ciò che è legato alla vita trascorsa con i nostri genitori.
    Serena domenica, cara Sandra!

    RispondiElimina
  11. Che bello Sandra, ci hai presentato i posti dove sei cresciuta e non si dimenticano mai
    In queste foto ho l'impressione di vederti correre e giocare a palla muro..gioco che ricordo..
    Ritornare al passato forse è una nostra esigenza, forse vogliamo "misurare" il nostro tempo.

    Questi post di vita vera , mi fanno morire.
    Grazie per averci regalato davvero un capolavoro di post..bella la tua casa..Buona domenica ciao

    RispondiElimina
  12. uno spazio aperto nella nostalgia;bella carrellata di altane (abbaini?)Serena domenica

    RispondiElimina
  13. Bello il tuo post.
    Belli i ricordi del cuore.

    RispondiElimina
  14. Non dirlo a mia madre! Mai e poi mai lei andrebbe a stare in San Cristoforo , dove abitava da bambina...neppure ora che gli appartamenti sono tutti ristrutturati. Va tutte le mattine al mercato di via Albinelli a fare la spesa e, quando puo', a messa in Duomo. Ma la casa, no....troppi odori e poi dice che da li' il cielo non si vedeva....

    RispondiElimina
  15. Io come capirai da i miei racconti ho sempre intatto il ricordo della finestra di casa mia da piccolo.
    I panorami verso le colline del Chianti, la valle dell'Elsa......
    TI salutiamo io e Chiara.

    RispondiElimina
  16. Ecco cara Sandra, con questo bel post e bellissimo "servizio" fotografico, hai offerto una dolcissima dimostrazione di quelli che sono i ricordi di quando si era bambini.

    RispondiElimina
  17. I ricordi sono sempre piacevoli e complimenti per il collage
    Buona domenica

    RispondiElimina
  18. Mia zia fino alla sua dipartita, anno 2006, ha conservato, così come era nata, la propria casa nel centro storico. Casa in cui io sono cresciuto ed ho abitato fino al matrimonio.
    E capisco benissimo delle dolci e forti emozioni di cui parli.

    RispondiElimina
  19. Cara Sandra, che bello leggere questi post dove si ritrova qualcosa anche della propria infanzia! Situazioni e luoghi diversi, ma gli stessi sentimenti...

    RispondiElimina
  20. Che splendida carrellata.
    Immagino il tuo sguardo salire, quando passi nei pressi; io non posso fare altrettanto perchè lontana dai luoghi della mia infanzia.
    Buona giornata!
    Cristiana

    RispondiElimina
  21. Ciao Sandra bella carellata di foto,
    i riccordi di gioventù sono quelli che mai dimenticheremo,
    buona domenica.
    Tiziano.

    RispondiElimina
  22. Momenti belli accarezzati da una lieve malinconia ti ritornano...in mente.
    Un sorriso. Edo

    http://www.youtube.com/watch?v=yhQrRN65Pd0&feature=related

    RispondiElimina
  23. che bei ricordi!
    Di quanto racconti,si sente la nostalgia,ma anche il calore di quei posti.
    Io ho fatto tanti traslochi che una casa "mia",l'ho sentita solo quando l'ho comprata.
    Buona domenica

    RispondiElimina
  24. credevo di essere l'unica modenese che quando va in centro a modena gira con il naso all'insù invece che guardare le vetrine....a primavera poi....scopri dei veri gioielli di giardini in pochissimi cm quadrati...
    mentre leggevo il tuo racconto ti immaginavo in quella piazza a giocare....e io che ci sono passata tante volte incurante di piccole e profonde storie....nascoste fra quei portici...baci.glo

    RispondiElimina
  25. Sandra quanta malinconia mi ha fatto il tuo bellissimo post. Al contrario di te non sono mai più tornata nella casa dove sono nata e dove ho vissuto fino ai 20 anni. Era una casa degli anni 30 grande, luminosa, con portone, cancello e cortile come usava allora. Mia madre è morta ai miei 19 anni e mio padre, forse per vincere il senso di vuoto che gli doveva dare quella casa decise di prendere un appartamento un po' più piccolo, ma moderno e molto comodo e funzionale. Ho provato una sofferenza intollerabile nel dovermi sradicare dalle mie radici che erano poi quelle che mi legavano anche a mia madre. Il tuo post mi ha ricordato lo struggimento di allora. Ma ora è uno struggimento dolce anche se malinconico.

    RispondiElimina
  26. ciao Sandra, quando racconti i tuoi spaccati di vita, ci si rivede spesso, facevamo le stesse cose,tipo giocare a palla muro o nelle piazzette, i ricordi riaffiorano, bellissimo il terrazzone in alto, molto suggestivo, come pure la casa, grazie per le belle immagini, buona serata baci rosa a presto.)

    RispondiElimina
  27. Bella carrellata! Oggi si chiamano mansarde e possederne una fa del caseggiato un punto di prestigio :)

    RispondiElimina
  28. che bello alzare lo sguardo e conoscere le altane della tua splendida Modena.
    Belli anche i tuoi ricordi, fai parte di una generazione di coloro che giocava ancora gioiosamente nelle piazze e può raccontarlo con nostalgia.
    Ciao cara

    RispondiElimina
  29. Ottime informazioni...sentite riflessioni.
    ciaoo Vania

    RispondiElimina
  30. Ciao Sandra,belle foto mi piace il genere.
    Buona serata.
    Un bacio.

    RispondiElimina
  31. ciao cara, il centro storico di modena é una meraviglia. Che dolce colori caldi! Vedere la casa della mia gioventú mi stringe il cuore. Mi viene a piangere. Sai, dopo la morte della mamma, abbiamo venduto la casa paterna il che mi duole ancor oggi ma é importante che é capitata "in mani buone". Noi, i figli viviamo lontani dalla cittá natale peró tengo il contatto su internet con i nuovi proprietari dolci. Grazie per il tuo post molto bello.
    Baci e buona nuova settimana

    RispondiElimina
  32. purtoppo la mia casa dell'infanzia l'ho venduta..... ma la ricordo sempre, bel post, ciao sandra felice serata!!

    RispondiElimina
  33. Sono bellissimi i ricordi!
    un saluto tiziana

    RispondiElimina
  34. Ho sognato a lungo un'altana. Anche una semplice mansarda. Ma quanto sono belli, vivi e vivaci i tuoi ricordi! Avessi io un po' della tua memoria ...

    RispondiElimina
  35. Grazie per aver condiviso con noi questo bellissimo spaccato della tua infanzia...
    Grazie per avermi fatto conoscere le suggestive altane modenesi...
    Tante serene giornate
    nonnAnna

    RispondiElimina
  36. Dove stavo io in N Sauro, c'erano varie altane, e nessuna si vede dalla strada. La nostra era una specie di piazzetta coperta con un muro basso attorno e due panche lunghe per sedersi. Ci si andava per scrutare l'arrivo dei colombi nel periodo delle gare. Era sempre una festa. In altana si passavano ore, si mangiava, si chiacchierava. Si dominava una città senza antenne o quasi, senza padelloni o ripetitori, si imparava a canoscere la città dai tetti. Grande nostalgia!!

    RispondiElimina
  37. I ricordi legati all'infanzia sono sempre molto vivi anche per me, oltretutto ho vissuto per tantissimi anni nella città ( allora cittadina) in cui sono nato, ma tante cose non sono più come allora e ti dirò che un po' mi dispiace, perché si è persa un po' di memoria storica...
    Belle immagini Sandra, complimenti!
    Buon inizio settimana.

    RispondiElimina
  38. Ciao, grazie per il bel post.Mi hai ricordato tante cose, proprio la settimana scorsa sono andato a passeggiare in una zona che frequentavo da piccolo.Ora il"campo" dove giocavamo a calcio non c'e' piu', al suo posto c'e' un'enorme casa; comunque sia anche se non e' piu' come prima i ricordi sono sempre li..

    RispondiElimina
  39. Sempre al tempo stesso dolcissimi e struggenti, questi ricordi d'infanzia... Per qualche attimo mi hai preso per mano, e hai reso bambino modenese pure me... :)
    Ciao!!

    RispondiElimina
  40. Stefitiz ho ben presenti le altane veneziane, veri propri terrazzi, o soppalchi aperti, su tutta quella meraviglia!Grazie per i link che ho esplorato con interesse. in particolare ...non mi ricordo mai della possibilità di reperire immagini per goderne la vista...tutto con un semplice click. Fantastico! Grazie.

    RispondiElimina
  41. Arianna...quindi ci capiamo :O)

    RispondiElimina
  42. Ciao Carmen è successo proprio quello: io ci son rimasta fino a 23 anni, quando mi son sposata . I miei hanno continuato ad abitare lì per altri dieci anni più o meno. Ora per acquistare in centro storico occorre il portafogli a fisarmonica!

    RispondiElimina
  43. E spero di poterlo fare fino all'ultimo respiro. Ciao Costantino, grazie.

    RispondiElimina
  44. Ciao Carmine, son felice d'essere stata utile.

    RispondiElimina
  45. Gianna dici il vero!....e pensa che per un certo periodo, durante l'adolescenza, un po' mi vergognavo di abitare lì...era considerata una zona per "poveracci"...pensa un po'.... !

    RispondiElimina
  46. Erika devi tornare....ho tanto altro da mostrarti. Trascorso bene il compleanno?

    RispondiElimina
  47. Grazie Rosy per il tuo appassionato e bel commento! A presto.

    RispondiElimina
  48. Sono un po' più che abbaini, Gabe...a volte possono contenere comodi monolocali valutati TANTISSIMO!!

    RispondiElimina
  49. Possono essere consolatori e corroboranti come una bevanda calda quando muori di freddo. Grazie Giorgio.

    RispondiElimina
  50. Comprendo bene l'opinione di tua mamma, Francesca. Ma noi eravamo fortunati: occupavamo tutto il quarto ed ultimo piano luminosissimo e più in alto rispetto alle case attorno....davvero un bel posto. In centro tornerei ad abitare oggi se potessi permettermelo , ma solo in un sottotetto.

    RispondiElimina
  51. Maresco provo ad immaginare i ricordi nei tuoi occhi, avendo ben presenti i panorami delle tue parti. Un abbraccio a te e Chiara.

    RispondiElimina
  52. Grazie Simona, felice settimana a te.

    RispondiElimina
  53. Allora capisci veramente e fino in fondo di che parlo, Cosimo. Grazie!

    RispondiElimina
  54. Lellina hai ragione.Sono sensazioni che accomunano tante persone.

    RispondiElimina
  55. Cristiana è proprio quello che mi succede. Una volta, tempo fa, ho trovato aperto il portone e mi sono intrufolata: tutto diverso...scomparsi i cortili interni, per esempio. Ma ho riconosciuto la ringhiera di ferro battuto lungo le scale. Non so dire l'emozione: la guardavo e mi son ricordata di una volta che ero salita a cavalcioni di nascosto e mi ero fatta male cadendo...prendendo anche 4 pacche per giunta!

    RispondiElimina
  56. Grazie Edoardo....anche per la bella dedica in musica!

    RispondiElimina
  57. Grazie Lucia, ho fatto anch'io tanti traslochi....dopo.

    RispondiElimina
  58. Gloria, anche tu naso all'aria! Sai che mi capita di scoprire, ANCORA, particolari mai visti?!

    RispondiElimina
  59. Immagino la pena di allora Ambra. Anche Franco mi parla sempre della casetta dei nonni a Piacenza, con il grande orto...lui ci ha passato l'infanzia e fu venduta dagli eredi ; l'unico che non avrebbe voluto, mio suocero, non aveva però i mezzi per acquistarla...

    RispondiElimina
  60. Immagino la pena di allora Ambra. Anche Franco mi parla sempre della casetta dei nonni a Piacenza, con il grande orto...lui ci ha passato l'infanzia e fu venduta dagli eredi ; l'unico che non avrebbe voluto, mio suocero, non aveva però i mezzi per acquistarla...

    RispondiElimina
  61. Grazie Rosa. E' vero, i giochi dei bimbi erano ( e forse sono) simili un po' ovunque.

    RispondiElimina
  62. Vero,Rita. Noi giocavamo nei cortili e nelle piazzette e senza troppa sorveglianza...era un bel senso di libertà.

    RispondiElimina
  63. Ciao Caterina, grazie per la tua condivisione.

    RispondiElimina
  64. Grazie Nanussa...anche per te è solo nei ricordi, allora!

    RispondiElimina
  65. Adriano, non dirlo a me: io andrei domani se potessi. Non invidierai me per la memoria, vero?!

    RispondiElimina
  66. Soffio....guardavamo gli stessi tetti....!

    RispondiElimina
  67. I ricordi dei "bimbi-di-città" sono tutti un po' simili, vero? Grazie Sirio.

    RispondiElimina
  68. Chris...un ricordo stile "viaGluck" !
    :O)

    RispondiElimina
  69. Zietto...che onore prenderti per mano....grazie!

    RispondiElimina
  70. Buonasera Sandra, e buon inizio di settimana ... mio padre, mi parlava, da piccola, di Modena, secondo lui era una città stupenda. Il motivo per cui veniva spesso lì, non era felice, in quanto portava mia nonna molto malata da uno specialista del posto ... ad ogni modo, con questo tuo racconto, non so come, mi hai riportato alla mente diverse cose ... piacevoli ... comunque è altrettanto bello, il modo in cui esprimi la poesia dei tuoi ricordi ... che bava che sei! ... ma c'è qualcosa che non sai fare?? ^_^ ... he he he ... ti abbraccio con simpatia e stima!!

    RispondiElimina
  71. Ho la fortuna di aver conservato la casa della mia infanzia ed ancora oggi, durante le mie spatolate, respiro aria di allora...ma purtroppo sento anche tanta nostalgia e non ti nascondo che quando sporco con i miei colori, e sporco tanto, sento ancora la voce di mia madre che mi sgrida, prorpio come allora. mah.
    Va beh...
    Complimenti per il bellissimo post, hai risvegliato pensieri ed emozioni e poi una bella documentazione sulle altane, che non sapevo si chiamassero così.
    ciaooo Macca..un abbraccio

    RispondiElimina
  72. Bei ricordi in questo post.
    Salutoni a presto.

    RispondiElimina
  73. Un viaggio nei ricordi che mi ha emozionato.Mi regali sempre suggestioni,Sandra.Ciao :)

    RispondiElimina
  74. Ciao Sandrina. Vedo che mi hai lasciato due risposte ... ehm ... di solito riesco a capire anche leggendo una sola volta (ih ih).
    In realtà sono tornata per dirti che ho dimenticato di lasciarti il mio compiacimento per il tuo bellissimo sfondo. Una tua foto, immagino. O no?

    RispondiElimina
  75. Intimo e bello questo tuo post. Non avevo davvero idea di cosa fossero le altane, nè che si potessero fare le altalene con la collaborazione del riparatore di bici. :-)

    RispondiElimina
  76. Nonn si può non pensare che tu abbia avuto un'infanzia felice, guardando le foto che hai messo.
    Non so perché ma sento arrivare un po' di nostalgia per la mia casa che aveva sì un giardino, ma nessuna altana :)
    E qui sono bellissime!
    Ciao Sandra :)
    Lara

    RispondiElimina
  77. Che bei luoghi, che bei ricordi. Anche io invidio chi conserva la casa della propria infanzia...
    Ciao Sandra, a presto e complimenti anche per le belle foto!

    RispondiElimina
  78. E' sempre bello ricordare quando si era bambini, ma anche leggere i racconti degli altri e ritrovarci le stesse emozioni, come ad esempio quei giochi così semplici che divertivano tanto anche a me, gli ambienti che apparivano sempre così "grandi", l'esplorazione di parti della casa che ci facevano un pò paura, per me non il solaio, ma la cantina. Anche a me piacerebbe tornare nella mia casa d'infanzia, costruita dai miei genitori, in cui ho abitato fino ai 30 anni. Ho pianto quando abbiamo traslocato e anche adesso che nostalgia! Ciao, Sandra.

    RispondiElimina
  79. Mi ha fatto piacere leggere della tua città. Anch'io da piccola abitavo nel centro storico di Salerno in cima ad un palazzo d'epoca e le mie finestre somigliavano alle tue. Quanti ricordi! Laura

    RispondiElimina
  80. Stefania grazie per la tua gentilezza.

    RispondiElimina
  81. Grazie anche a te Carla, sei fortunata a "spatolare" nella tua casa d'infanzia....anche se riecheggiano le sgridate di mamma.... :O)

    RispondiElimina
  82. Grazie Cavaliere per la tua assidua presenza.

    RispondiElimina
  83. Grazie Blackswan, regalare emozioni è un gran bel privilegio.

    RispondiElimina
  84. Ciao Ambra non avevo visto il commento doppio...è mister Blogger a dare di matto...!
    Sì la foto è mia...in sintonia con l'animo di questo periodo.

    RispondiElimina
  85. Ciao Giacynta, hai visto che bella la "mia" piazzetta?!

    RispondiElimina
  86. Ciao Lara, certe nostalgie sono un po' contagiose. Grazie!

    RispondiElimina
  87. Grazie Simona. La pensi come me, allora.

    RispondiElimina
  88. Ninfa ci capiamo, anche a me viene un po' il magone alzando lo sguardo a quelle finestre.
    Grazie, spero che lì da te vada un po' meglio.
    P.S.: anche la cantina....brrrrr

    RispondiElimina
  89. Sì, i ricordi legati ai luoghi son davvero moltissimi. Ciao Laura, grazie!

    RispondiElimina
  90. Questo post mi era sfuggito. I luoghi dell'infanzia non si cancelleranno mai dai ricordi. Le immagini sono bellissime, colgono il bello di Modena.
    Ciao Sandra

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E a me era sfuggito il tuo commento, mia cara madame. GRAZIE!

      Elimina
  91. si sente che ami molto la tua Modena, sei brava a far rivivere i ricordi. le foto sono molto belle.
    Ciao Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Laura; sì ,è vero ,amo molto la mia città.

      Elimina
    2. Laura non riesco a risalire alla tua pagina web...mi lasci il link?

      Elimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...