***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

mercoledì 18 maggio 2011

HYDE PARK CORNER, LONDRA?

No. "Preda ringadora", Modena.


Chi non conosce lo "Speaker's corner", l'angolo degli oratori del famoso parco londinese, un luogo dove poter parlare pubblicamente a chiunque sia disposto ad ascoltare?
La preda ringadora è qualcosa di simile. O  lo è stata.
Se giungete in Piazza Grande provenienti da via Castellaro verrete  accolti dalla Bunèsma che sorveglia dall'angolo del Palazzo Comunale.
Volgendo lo sguardo a destra vedrete questo enorme blocco di marmo rosso che, in origine , deve essere stato parte di una costruzione di epoca romana.
Inserisco qui una di foto tratta dal libro "Invito a Modena e Provincia". La scannerizzazione è pessima ma forse utile a dare l'idea del contesto in cui la "preda" è collocata. A destra si vede una parte del Palazzo Comunale e, di fronte, l'abside del Duomo (prima che venisse ripulito: ora è di nuovo bianco).
Durante il Medio Evo la "preda", cioè la pietra, veniva usata come palco per gli oratori . Di qui il nome "ringadora", cioè per le arringhe.
Non solo.
Aveva anche un compito un po' macabro: quello di luogo dove esporre i cadaveri che necessitassero di identificazione e anche di luogo per le esecuzioni.
E' poi emerso dall'Archivio Storico Comunale un altro interessante utilizzo.

Sentite un po' ...

... "dare a culo nudo suso la preda rengadora, la quale sia ben unta de trementina, tre volte, dicendo tre volte cedo bonis, cedo bonis, cedo bonis" ...

Beh, stare a natiche nude sulla pietra cosparsa di trementina non doveva essere molto piacevole. 
Era questo il trattamento riservato a chi non pagava debiti e tasse; in quella imbarazzante e spiacevole posizione - per tre sabati consecutivi, giorno di mercato - il "reo" doveva promettere di "cedere bonis" cioè di saldare i propri debiti cedendo i beni personali .
Al giorno d'oggi la "preda", pur mantenedo la sua importanza storica, ha un compito esclusivamente decorativo.
E anche quello di servire, a modenesi e non, per darsi appuntamento.
Qui alla "preda" come sotto la "Bunèsma".
A voi la scelta. Vi aspetto.

48 commenti:

  1. Va bene, se però mettiamo da parte sia il compito macabro sia l'utilizzo direi abbastanza crudele, mi sembra che sia un interessantissimo reperto.

    RispondiElimina
  2. lo preferisco come punto d'incontro,ciao Sadra ,notte serena

    RispondiElimina
  3. Vedo solo la foto, ma bisognorebbe vedere il contesto che circonda quel masso...a me così non piace...ciao.

    RispondiElimina
  4. Che affascinante questo racconto. Un angolo suggestivo. Da un lato hai Matilde di Canossa o Bonixima, come preferisci, dall'altro senti ancora risuonare la voce strozzata di un debitore impenitente che ripete, ripete quelle due parole.
    Questa pietra deve essere impregnata di storie infinite.
    P.S. - Nuovo header? Come sempre un dipinto carico di colore e di vita.

    RispondiElimina
  5. Grazie per queste "chicche" di storia.
    Chissà in quanti tra quelli che si danno comunemente appuntamento a la "preda" la conoscono?
    Il 22 si sta avvicinando velocissimo, io sono emozionata per tutte/i voi!!!
    Tante serene giornate
    nonnAnna

    RispondiElimina
  6. Ciao Sandra, non finisci mai di stupirci con i tuoi racconti!! Beh..per fortuna adesso è solo un luogo d'incontro..però seduti a culo nudo sulla trementina quei "furbi" che hanno truffato un sacco di piccoli risparmiatori.. per un po' ce li metterei!!
    Carmen

    RispondiElimina
  7. Condivido con Bilibina in pieno e.... quanti sarebbero in fila per posare il loro posteriore sulla pietra cosparsa di trementina!!!!
    Le tue chicche storiche ci fanno conoscere parte della nostra cultura che non conoscevamo!!!
    Un bacio.
    Morena

    RispondiElimina
  8. Son d'accordo con te Aldo: usiamo la "preda" come luogo per incontraci; magari appollaiati sulla sommità , come fanno spesso i ragazzi.
    Buonissima giornata, caro Aldo.

    RispondiElimina
  9. Ovvio che sì, Gabe! Lasciamo certi utilizzi alla storia del passato.

    RispondiElimina
  10. Ciao Max. E' vero, il masso non è granché bello : un parallelepipedo marmoreo ... niente di che...
    Sono le implicazioni storiche a renderlo particolare. Almeno per noi modenesi.
    Ti ho preso in parola: ho aggiunto una foto che , allargando un po' il campo, lascia intravedere parte del contesto. Non è un'immagine nitida ma non ne ho di mie, per ora. Nel web cene sono alcune ma coperte da copy-right.
    Ciao.
    :O)

    RispondiElimina
  11. Cara Sandra, scusami ma quando apro il tuo blog mi si ferma internet.... così non riesco mai a mandarti un commento, oppure solo per un saluto. Ti ringrazio di essere sempre presente da me....
    Un abbraccio,
    Ale

    RispondiElimina
  12. E' proprio così, Ambra. Questo masso "racconta", in un certo senso.
    ----------
    Sì, sono un po' irrequieta riguardo agli header...mi stanco presto.
    Questo è un acquarello dell'anno scorso.
    Ciao carissima.

    RispondiElimina
  13. Grazie NonnaAnna ... sì penso che ci sia tanta emozione pensando a domenica prossima. Serene giornate anche a te.

    RispondiElimina
  14. ...come un masso possa fare "storia".
    ciaoo Vania

    RispondiElimina
  15. Ciao Caremen , capisco la tua reazione istintiva: viene proprio da dire così. Ma credo sia meglio lasciare certi metodi al contesto storico cui sono appartenuti.
    Grazie carissima.

    RispondiElimina
  16. Grazie Morena. Mi piace raccontare le nostre "micro-storie" locali!

    RispondiElimina
  17. Ciao cara...

    Per fortuna che c'è internet e posso trovare parte della storia di Modena...QUI!

    Come?

    ...ma...ma...che sbadata!

    APRIIIIII...stò suonando al tuo campanello! ;D

    Un bacio grande...e di nuovo bellllllllo l' header! Ottimo! ;D NI

    RispondiElimina
  18. Ciao Ale, mi dispiace tanto...ho chiesto aiuto a chi ne sa più di me, a proposito del blocco che il mio blog ti provoca: vediamo che posso fare.
    Ti abbraccio.

    RispondiElimina
  19. Vania è buffo il mondo, vero? Chissà in epoca romana dove stava??!!! Ah...avere la macchina del tempo....

    RispondiElimina
  20. Grazie Niiiiiii...sempre gentile al massimo!
    Ma che esagerata: io racconto in modo semplice e a modo mio. Nel web ci sono ben altri narratori!!
    Bacione.

    RispondiElimina
  21. Sì, l'ho vista, me la ricordo!

    RispondiElimina
  22. Sedersi,ma senza ricordare l'uso del passato...

    RispondiElimina
  23. Hi Sandra,
    Wow, I didn't know that information! Thank goodness that no one has to lie on that Rock Naked rubbed in turpendine, nowadays!
    That would be some sight to see!
    Hugs

    RispondiElimina
  24. Io ti aspetto sotto la Bunesma....
    Ciaooo

    RispondiElimina
  25. Ciao Sandra,mi piace il senso del tuo post.
    Buona serata.

    RispondiElimina
  26. Ahahah, ecco, mi hai fatto capire cosa intendeva dire un vecchietto che poco tempo fa sentii dire ad un altro signore (e chiaramente parlavano di un terzo) : "al mà deé un bel gnìnt...al garev d'ander a cul nud in séma a la preda!" ^_^


    Un bacio
    Tatti

    RispondiElimina
  27. mi fa piacere!Io non conoscevo nessuna delle due!
    Ma dove vivo?Beata ignoranza!
    Non preoccuparti,faccio da sola....

    bacioni e spariamo a .......Domenica

    RispondiElimina
  28. Lellina, una volta vista difficilmente si dimentica. ;0)
    Buona serata.

    RispondiElimina
  29. Hi Norma! I agree with you ... thank goodness!!!

    RispondiElimina
  30. Tattinaaaa...quanti ce ne sono di anziani che fanno riferimenti così... che bello!!!!

    RispondiElimina
  31. Beh, Lu, direi che vivi ... non a Modena!:O))))
    A domenicaaaaaaaaaaa!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  32. Ciao Sandra, certo che una volta se non pagavi gli oneri era molto umiliante...vieni nel mio blog,c'è un giochino che ti aspetta.

    RispondiElimina
  33. ..sai che non è male l'idea di far sedere coloro che non pagano i debiti..ma in questi tempi ho paura che quella Preda (nel nostro dialetto significa Pietra) sia pittosto piccola e forse non basterebbe l'intera piazza..!! ahahahah!! ciao Sandra..

    RispondiElimina
  34. Ciao Sandra! Non conoscevo questa "preda"!Mi hai fatto spanza' col "rito" del culo sulla trementina, troppo forte dai!:))))
    Baci tua Bozzzzz a piu' non pozzzz!

    RispondiElimina
  35. C'è ancora, è ancora lì...meno male. Uno ha paura che con la lontananza svaniscano anche le cose, non solo i ricordi....grazie...

    RispondiElimina
  36. Francesca, sììììì... se ne sta buona buona lì!
    ;O)

    RispondiElimina
  37. Ciao Rita,
    sempre felice di farti "spanzà" !!!
    ;O)

    RispondiElimina
  38. Ah, ah, Mario ... occorrerebbe una "preda" di qualche ettaro d'ampiezza!!!

    RispondiElimina
  39. Erborista, ho fatto il compito ...ih...ih...ih...e sono stata fortunata con il "pescaggio" casuale!Domani pubblico. Ciao!

    RispondiElimina
  40. Eccomi finalmente... oggi è andata bene!!!
    Volevo mandarti un salutino e un buon divertimento a tutti per domenica.
    Un abbraccio,
    Ale

    RispondiElimina
  41. Ciao Ale, grazie. Ho scritto da te.
    Sandra

    RispondiElimina
  42. ciao Sandra
    se riesco a finire il secondo bracciale ,te li consegnerò domenica.
    Non so se leggerai questo commento.....
    a presto
    lu

    RispondiElimina
  43. Grazie Lucia....fai come riesci, non c'è nessun problema.
    A prestissimo!

    RispondiElimina
  44. Vengo dal blog l'Inventafavole, nonna Tina parla del tuo post e sono venuta a leggerlo. Interessante scoprire le bellezze e le singolarità delle nostre belle città italiane. Uun saluto da Salerno, Laura

    RispondiElimina
  45. Nonna Tina è Nonna Anna!!! Lapsus ho una nonna Tina in famiglia. Laura

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...