***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

giovedì 21 luglio 2011

CAMINI TANGRAM

Proprio a questo millenario "gioco" cinese , il TANGRAM, ho pensato osservando le coperture di moltissimi camini nella Grecia di oggi.
Questa casa con "le papere" sui camini  si trova a:
Xironomì è un grazioso villaggio della Grecia centrale, nella zona di Tebe, a ovest di Atene.
Lì hanno la casa di famiglia i nostri cari amici Patrizia e Marino Kiriakou e lì siamo ritornati per incontrarli di nuovo , dopo tanti anni, lo scorso giugno: uno stupendo fine settimana tra vigneti ed oliveti.
Qui a Xironomì, e in tante zone della Grecia , mi hanno colpito le coperture mobili dei camini.
Mi ricordano, come dicevo, il
La scatola che si vede qui sopra mi ha seguito per tanti anni a scuola ed è stata usata con entusiasmo da tanti bambini.
Nel corso della mia ultima classe prima, solo due anni fa, un pezzo è andato perduto; ma pazienza, li perdono.

Questo antico gioco, ma è riduttivo definirlo così, ha risvolti didattici innumerevoli; si presta per attività matematiche, artistiche e anche linguistiche; quante storie abbiamo inventato e scritto con protagonisti gli innumerevoli personaggi che si possono creare!


Queste figure provengono dal libretto illustrativo allegato alla mia scatola. I bambini, però, sono molto bravi ad inventarne e a "narrarne" tantissime altre.
Spesso con miei alunni costruivo il quadrato magico utilizzando una fotocopia incollata su un cartoncino robusto che poi rivestivamo con plastica adesiva e ritagliavamo; i tangram personali erano conservati in un'apposita scatola nella libreria di classe , pronti per disegnare ... inventare ... narrare ....
Se a qualcuno può essere utile, questo è il modellino ripescato tra i miei quaderni: fate finta d'essere in classe con me e stampate, incollate, ritagliate ...

Se poi vi va di approfondire e  giocare, potete seguire questi link:

47 commenti:

  1. Che bello leggerti cara Sandra, finalmente... perchè con te mi va via la connessione (come sempre).
    Bello ricordare i vecchi tempi, avevo anch'io qualcosa di simile che disegnavo e coloravo. Bella la Grecia, eravamo in viaggio di nozze.
    Un bacio,
    Ale

    RispondiElimina
  2. ciaoo Sandra
    molto interessate.
    Mi sa che mi copio ed incollo...il tuo regalo..ciaoooo

    RispondiElimina
  3. ciaoo Sandra
    molto interessate.
    Mi sa che mi copio ed incollo...il tuo regalo..ciaoooo

    RispondiElimina
  4. Ciao Sandra è sempre piacevole rivedere i vecchi amici e pure ricordare i giochi dei tempi trascorsi.Serena serata

    RispondiElimina
  5. dalla grecia al tangram ....il mio cervellino sta andando ai cento allora.....sai che era il passatempo preferito di mia figlia all'età della scuola materna quando giravano in camper.....
    la tura coperta del post precedente è molto bella, mi parla dei tempi andati...della nonna che lavorava con gli avanzi delle lane........baci.glo

    RispondiElimina
  6. Intanto ti devo fare i complimenti per la coperta a quadrati, è proprio stupenda Sandra e poi ogni pezzettino è un ricordo...E poi te li faccio anche per il tuo spirito di osservazione, perchè è proprio vero che quei camini assomigliano ad una figura del tangram, un'associazione molto azzeccata e una gran bella foto. Grazie per aver postato il modellino del gioco, le possibilità di utilizzo con i bambini sono interessanti come tu ci hai raccontato, ma chissà perchè io non l'ho mai sfruttato tanto. Forse perchè non riuscivo mai neanche a comporre il quadrato magico?!

    RispondiElimina
  7. Ciao Sandra,mi piacerebbe andare in Grecia,ma non tanto come turista balneare,quanto come osservatore della magnificenza di una civiltà come quella greca.Atene,Tebe,Sparta,le grandi città stato e tutte le opere artistiche,deve essere stupendo.Buona giornata

    RispondiElimina
  8. Mi piace tutto: la GRecia, i camini, il tangram, le attività coi bambini....anche con James lo abbiamo usato, ma si stufa presto a ricreare le immagini, forse è ancora troppo giovane...

    RispondiElimina
  9. Un gioco formidabile ed entusiasmante
    specialmente per i bambini ma anche, credo, per i grandi.
    La fantasia viene stimolata al mille per mille.
    Grazie Sandra per questo suggerimento.
    Un caro saluto,
    aldo.

    RispondiElimina
  10. Sandra bellissimo questo tuo post.Molto interessante. Grazie mille.

    RispondiElimina
  11. Ciao Sandra, non conosco e non conoscevo il gioco.. ma l'età forse non è più delle più consone :-(
    Però hai ragione quei camini in Grecia ricordano davvero la tua scatola magica. Buon w.e. byeee

    RispondiElimina
  12. mica male quest'idea!
    Da copiare!!1Bacioni

    RispondiElimina
  13. MA CHE BELLISSIMO GIOCO SANDRA!!!
    Lo copio e lo incollo subito, così quando i miei nipotini adottivi mi faranno visita, saprò come stupiorli!!

    GRAZIE!!
    è un "gioco" bellissimo!!!

    RispondiElimina
  14. Ciao Ale, grazie per la pazienza: passi sempre di qui!
    Spero che tu stia meglio.

    RispondiElimina
  15. Ciao Carla, grazie. Ho visto il bellissimo libro che ti sei regalata: che emozione ESSERE IN UN LIBRO!!!
    Ho anche visto la locandina delle mail-art ... santa paletta ma ci sono anch'io...non son mica sicura di farti onore con quel disegnetto. Comunque GRAZIE!

    RispondiElimina
  16. Cao Simo, grazie. Un caro saluto anche a te.

    RispondiElimina
  17. Ciao Gloria son contenta per questo tuo bel ricordo. Grazie.

    RispondiElimina
  18. Cavaliere...gentile, come sempre.

    RispondiElimina
  19. Grazie stra-mille Ninfa per i tuoi sempre bellissimi commenti!
    Eh ... anch'io son molto meno brava dei bimbi a ricomporre il quadrato!

    RispondiElimina
  20. Ciao Erborista, pubblicherò qualcosa sull'archeologia greca rivista dopo tanti anni ...DAVVERO AFFASCINANTE.

    RispondiElimina
  21. Eh, Francesca lo so che ti piacciono. Quanto ai bimbi .... mica tutti sono attratti da questa tipologia di attività ... non si deve forzare, deve essere un piacxere...come tu ben sai!

    RispondiElimina
  22. Grazie a te Aldo, buonissima giornata!

    RispondiElimina
  23. Grazie Lu...è lì per quello.

    RispondiElimina
  24. Grazie Danielam son contenta che possa esserti utile!

    RispondiElimina
  25. Una visione originale ed incoraggiante della Grecia.
    (Ed il Tangram torna di moda)

    RispondiElimina
  26. Grazie Adriano...forse esageri un po'...ma grazie! ;0))

    RispondiElimina
  27. Grazie Costantino. La Grecia è una gran bella Terra!

    RispondiElimina
  28. ...ne ho una molto vecchia a casa di mia mamma e Valentina lo usa spesso...adesso le farò vedere le molteplici soluzioni che ci hai dato.

    grazie.:)

    ...abbinamento magico con i camini.:)
    ciaoo Vania

    RispondiElimina
  29. Ciao Sandra, é molto interessante che ci fai vedere. Avrei voluto essere la tua allieva:)). Ma si dice che mai é tardi.É bello il camino sulla foto.
    Baci e buon fine settimana

    RispondiElimina
  30. Ho visto il resoconto della grigliata nell'assolata campagna. Che tranquillità! Un bacio e a presto ( riparto! )

    RispondiElimina
  31. Ciao, un bel gioco, veramente...buona domenica:-)

    RispondiElimina
  32. Che strani, stranissimi questi camini. Sembra che dei grandi uccelli si siano posati su di essi in attesa di riprendere il volo.
    Mai conosciuto il tangram, ma è davvero incredibile!

    RispondiElimina
  33. Davvero sono strani, Ambra! Girano al vento e forse questa forma li rende aerodinamici.

    RispondiElimina
  34. Grazie Riri, buona domenica anche a te.

    RispondiElimina
  35. E' vero Giacynta, siamo stati proprio bene...in allegria e belli cicciottelli!!!!

    RispondiElimina
  36. Davvero c'è più tempo che vita!Grazie Caterina.

    RispondiElimina
  37. Brava Vania! Chissà che belle figure riesce a creare la Vale!

    RispondiElimina
  38. Belle queste coperture, Sandra. Mi ricordo che a scuola i miei figli utilizzavano il tangram.
    Andrò a dare uno sguardo ai link che ci suggerisci. Grazie!

    RispondiElimina
  39. Anche io avevo un tangram, me l'ero ritagliato da sola con il cartoncino!
    Curiosissimi i camini con le paperette! Ma era intenzionale la somiglianza?
    Ciaoo

    RispondiElimina
  40. Ciao Sandra! Sai che il tangram lo usavamo anche in ospedale con i pazienti? E' molto utile in svariate patologie e deficit cognitivi..un saluto ed un abbraccio!
    carmen

    RispondiElimina
  41. Carmen ... non avrei mai immaginato: bene!

    RispondiElimina
  42. Giada, somigliano vero? Noooo, sono io che ho fatto l'associazione di idee. Ciao!

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...