***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

mercoledì 26 gennaio 2011

LA MEMORIA

Un anno fa, a blog ancora giovanissimo, scrissi due piccole pagine.   

Una è il ricordo di un'esperienza scolastica: la  lettura ad alta voce  di  un libro ai miei ragazzini di quinta elementare.

L'altra parla della  parteciazione, in quei giorni, ad uno spettacolo teatrale a scuola: emozioni profonde vissute con genitori, alunni e colleghi.


Penso che siano stati letti da pochi... 


Per la Giornata della Memoria di quest'anno, ho ripescato tra i miei file (ringrazio l'amico Massimo che me lo ha ricordato) un messaggio che alcuni anni fa il mio Direttore Didattico inviò per l'occasione alle famiglie ed agli operatori scolastici tutti.
Si tratta di un testo abbastanza noto, già allora qualcuno di noi lo conosceva; ma avere avuto la sensibilità di porsi come Educatore tra Educatori, diffondendolo in quell'occasione, lascia perfettamente intendere il clima positivo e costruttivo che ho avuto la fortuna di vivere nel mio recente passato di insegnante (sono in pensione da un anno e mezzo), anche grazie a questo Dirigente. 
Ecco il testo: 

"Il preside di un liceo americano sopravvissuto alla Shoah scriveva ogni anno ai suoi insegnanti
Caro professore,
sono un sopravvissuto di un campo di concentramento.
I miei occhi hanno visto ciò che nessun essere umano dovrebbe mai vedere:
camere a gas costruite da ingegneri istruiti;
bambini uccisi con veleni da medici ben formati;
lattanti uccisi da infermiere provette;
donne e bambini uccisi e bruciati da diplomati di scuole superiori e università.
Diffido, quindi, dell’educazione.
La mia richiesta è: aiutate i vostri allievi a diventare esseri umani.
I vostri sforzi non devono mai produrre mostri educati, degli psicopatici qualificati, degli Eichmann istruiti.
La lettura, la scrittura, l’aritmetica non sono importanti se non servono a rendere i nostri figli più umani.
La nostra scuola deve essere un luogo in cui nelle diversità e nelle differenze si condivide l’unico obiettivo che è la crescita della persona.
Solo così si capisce che cosa significa una scuola capace di consegnare il patrimonio culturale che ci viene dal passato, di accompagnare il bambino ed il ragazzo nella scoperta del senso, e di promuovere la capacità di innovare e di costruire il futuro che ogni singola persona ha.
Io mi ostino a non accettare una scuola che persegue soltanto l’utilità del momento storico e dell’attimo fuggente, rinunciando ad aiutare lo studente ad essere ciò che è e a costruire nei diversi contesti". Davide Chiappelli, Direttore Didattico del 9° Circolo di Modena- 27 Gennaio 2007.

NOTEVOLE, VERO?
Questo per dire che importanza abbia l'educazione nei confronti delle diversità e delle differenze. Non solo , dunque, ricordo e condanna di immani orrori del passato ma un vivere quotidiano che non discrimini. E mi riferisco a ebrei, sì, ma anche a Rom, immigrati di ogni etnia, portatori di handicap (o diversamente abili, come si dice ora)e "pseudo-diversi"di ogni tipo.

Per chi avesse tempo e voglia, segnalo anche Il cartone animato vincitore del concorso nazionale “I Giovani ricordano la Shoah” realizzato dagli alunni delle classi IV A/B del III circolo didattico “G. Mazzini” di Bari, che il 27 gennaio, Giorno della Memoria, saranno premiati dal presidente della Repubblica Giorgio Napolitano al Quirinale.
"...Il racconto, Franco S., narra la storia di un giovane di Ferrara di 16 anni, deportato a Fossoli e poi a Buchenwald. Dopo il lavoro di ricerca storica, i bambini hanno creato un diario, disegnato tutte le scene e inserito nell’album foto, immagini e documenti..."

Se avrete la pazienza di sopportare i pochi attimi pubblicitari inseriti all'inizio,vi commuoverete.

Inoltre , per chi abita a Modena o nelle vicinanze, segnalo:
"La nostra lingua
manca di parole
per esprimere questa offesa"
***
Giornata della memoria
27 gennaio 2011
Teatro Storchi, Largo Garibaldi 15, ore 21
Se questo è un uomo di Primo Levi
letto in dieci lingue.
In ebraico, sloveno,ungherese, arabo, francese, Inglese, italiano, polacco, russo, tedesco.
“Questa volta, ancora una volta, torniamo al libro che non dimentichiamo.
Torniamo al libro che ha avuto la fortuna di trovare tanti lettori: chi l’ha scritto voleva, prima di tutto, essere ascoltato. Torniamo al libro che è andato in giro per il mondo, che ha sciolto la sua lingua in altre lingue per dar luogo alla possibilità di nuovi incontri”
Per informazioni vedere QUI

37 commenti:

  1. è un pensiero giusto e corretto quello del sig.Chiappelli.
    Il rispetto verso un altro essere umano,diverso per razza,religione,ceto sociale o appartenenze politiche,dev'essere insegnato ed inculcato come base principale di una corretta esistenza terrena.
    La totalità di un Essere,non può e non deve basarsi solo su insegnamenti,privi di umanità e di comprensione,nell'accettare un individuo anche se diverso da come noi siamo.
    Baci
    lu

    RispondiElimina
  2. carissima Sanda, è un post che apprezzo e mi è enrato nel cuore sono cresciuta a pane,salame e Villa Emma. Ho avuto la fortuna di conoscere il Dr. Moreali e don Beccari e il figlio del dr. che all'ignoranza mi ha parlato di quello che hanno fatto, ho letto e riletto ogni libro che parlava delle loro storie e ho arricchito mia figlia con queste storie, il libro del coniglio rosa fa parte della ns biblioteca fra tanti consigliati ai bambini. Il pensiero del provveditore agli studi è stupendo per chi come me è cresciuto con queste persone ma ora è un'utopia non si trasmette più nulla ai ragazzi se non quello che c'è scritto nero su bainco sui libri; ma questa è un'altra storia. Grazie per aver ricordato.glo

    RispondiElimina
  3. Molto bella quella citazione. Avere tante nozioni non serve a niente se non si è essere umani. Ho letto il libro "Quando Hitler rubò il coniglio rosa. Tantissimi anni fa, mi pare quando frequentavo le scuole medie o superiori.

    RispondiElimina
  4. Avevo scritto un commento 55 secondi dopo che tu avevi pubblicato il post e non è apparso. Chissà perché?
    Ad ogni modo ho scritto che quella lettera che ogni anno il preside del liceo americano scriveva agli insegnanti andrebbe affissa in tutte le scuole del mondo.

    Sono contento di essere diventato "soltanto" un essere umano.

    RispondiElimina
  5. Un grande lavoro quello degli insegnanti e dei bambini della scuola Mazzini di Bari e una grande lettera quella del preside del liceo americano...bisognerebbe ricordarla ogni giorno!

    RispondiElimina
  6. cara sandra, grazie, ancora una volta, per i tuoi pensieri, per quello che ci racconti, per quella tua anima da educatrice di menti aperte e disponibili alle differenze. spero non ti dispiaccia se riporto questa lettera sul mio blog...ma conoscendoti un po', so che ne sarai felice...facciamo circolare le buone idee e le buone intenzioni! giusto?

    RispondiElimina
  7. Bisognerebbe diffondere quella lettera in tutte le scuole e ricordare tutti i giorni cosa è stata la Shoah,stanno saltando fuori sempre più negazionisti e abbiamo i nostri ragazzi che non conoscono nemmeno il significato della parola Shoah ,non sanno nulla di quel terribile periodo della storia più recente.

    RispondiElimina
  8. Grande post, il tuo, grande Sandra!

    RispondiElimina
  9. Va sempre ricordato per non dimenticare....Mi associo in toto Sandra.ciaooooo

    RispondiElimina
  10. Il tuo bellissimo post mi ha commosso,come insegnante,in pensione da 10 anni,condivido in pieno il pensiero del dirigente scolastico,senza conoscerlo mi sono sempre sforzata di mettere soprattutto umanità nell'insegnare e i miei ex alunni me lo ricordano ancora,mi chiamavano "la prof dei diseredati"baci

    RispondiElimina
  11. Bello che tu sia partita dalla tua esperienza di insegnante. E' nello spirito della lettera in qualche modo. Partire da ciò che si conosce per esperienza diretta aiuta a comprendere. Un caro saluto.

    RispondiElimina
  12. Un post ricco di emozioni, di informazioni che ci aiutano a non dimenticare.
    Grazie, cara Sandra!
    Erika

    RispondiElimina
  13. Ciao Sandra,
    ho finito proprio di ascoltare sulla 7 Paolini che proprio trattava questo tema proprio per non dimenticare.
    Sandra, io ho avuto il mio babbo internato per nove mesi nel campo di concentramento di Buchenwald e non voglio dimenticare MAI.
    E' giusto che gli insegnanti raccontino ai loro allievi quanto successo perchè la memoria è importante.
    Ciao carissima ti abbraccio forte.
    Bruna
    P.S vedo dalla tua foto che anche tu la sciarpa non la porti...a cappio...ahahahah

    RispondiElimina
  14. Una lettera così intensa e piena di quei valori che si stanno dissolvendo nella mente delle persone e soprattutto dei ragazzi, sarebbe davvero da diffondere in tutte le scuole...intanto se posso la pubblico nel mio blog!! :-)

    Grazie Sandra

    RispondiElimina
  15. A cosa servono tante parole se non dire:

    GRAZIE!!!

    Grazie per averci donato queste "perle di memoria" che non devono MAI essere dimenticate!

    Grazie...un abbraccio. Ciao. NI

    RispondiElimina
  16. Grandezza d'animo e di vedute in ogni protagonista positivo di questo tuo post, a cominciare da te!

    RispondiElimina
  17. Mi ricordo molto bene il messaggio del nostro Dirigente...la memoria va coltivata. La memoria di tutte le stragi, le persecuzioni, le ingiustizie. Solo qualche giorno fa qui abbiamo ricordato Martin Luther King Jr e l'anno scorso in quinta avevo lavorato su un libro su di lui"Martin's Big Words" che ha veramente colpito i ragazzi. Vedessi cos'è saltato fuori...beh, te lo puoi immaginare. Il libro della Kerr lo conosco, ma in inglese (mi ricordo di averlo trovato per caso in un bookclub dove acquistavo per posta mensilmente, tanti anni fa, prima di internet). E a proposito di genocidi un po' dimenticati e da non dimenticare, recentemente ho letto, di Antonia Arslan, "La masseria delle allodole", sul genocidio degli armeni.Merita. Grazie, come sesmpre, per le tue "pietre". Raccolgo e rilancio...

    RispondiElimina
  18. ciao sandra ,complimenti per questo grande post!!
    baci, buona giornata! :)

    RispondiElimina
  19. CHE BEL POPST... TOCCA TANTISSIME CORDE DEL MIO CUORE.
    Mi rammarico di non aver potuto vedere Marco Paolini, ieri sera.
    Al suo spettacolo (che spero si potrà reperire da qualche parte).
    Il nostro impegno educativo (se cis entiamo "educatori" a prescindere dalla professione) è quello di ricordare e far conoscere.
    Scusa l'intrusione... Buona giornata!

    RispondiElimina
  20. Ho scritto come una disgrafica... Scusa anche per questo.

    RispondiElimina
  21. No, non possiamo e non dobbiamo dimenticare!

    RispondiElimina
  22. Fondamentale è l'educazione. Ma questa scuola insegna davvero i valori umani? Oppure insegna la competitività...la lettera dovrebbero leggerla in ogni scuola.

    RispondiElimina
  23. Sandra, una lettera che mi ha dato dei brividi per le sue verità
    Che brutta pagina che l'umanità ha scritto e ancora continua.
    L'uomo non imparerà mai la sua presunzione è il suo limite più grande.
    Grazie per questo post doloroso ma necessario
    Ciao

    RispondiElimina
  24. Un post che mantiene viva memoria e ricordi...
    Cinzia

    RispondiElimina
  25. Ho visto il cortometraggio dei bambini di bari ed ho letto la lettera... sai che non so che commento lasciare? "Quella" storia mi fa troppo male immaginarla, scusami ma credo di non essere all'altezza di scrivere due parole...

    Cecilia

    RispondiElimina
  26. grazie sandra..e come dimenticare?

    RispondiElimina
  27. Per questo giorno molto importante aspettavo da te un post importante,proprio ciò che hai realizzato Sandra,non ti smentisci e ti dico "Grazie"...mi hai sorpreso e commosso.Ti abbraccio forte forte...

    RispondiElimina
  28. E' importantissimo mantenere viva la memoria di ciò che è stato, specialmente nelle scuole, perchè le giovani generazioni, che sono la speranza del futuro, conoscano, comprendano, non dimentichino.
    Per questo il ruolo degli insegnanti è fondamentale e tu puoi essere ben orgogliosa di te stessa.

    RispondiElimina
  29. Ecco, faccio anch'io un salto, imperdonabilmente ritardatario, qui da te. Ma con un post così non si può non alzare almeno la mano per dire: "Presente!"

    A presto.

    RispondiElimina
  30. Notevole e molto significativo il tuo post cara Sandra. Grazie di essere passata da me, un abbraccio

    RispondiElimina
  31. Ciao Sandra ,condivido completamente il Tuo post e il Tuo pensiero.
    Oltre che ricordare, bisogna capire come si è arrivati a questo.
    I Nostri figli e nipoti devono crescere senza nessun odio nel cuore. E'Nostro compito insegnarglielo.
    Un abbraccione.

    RispondiElimina
  32. Carissimi
    Lu
    Gloria
    Claudia
    Aldo
    Alessandra
    Maestra Laura
    Franz
    Stella
    Gabe
    Giacynta
    Erika
    Diana.Bruna
    Sabrina
    Ni
    Adriano
    Francesca
    Nanussa
    Kaishe
    Davide
    Rosy
    Cinzia
    Laura
    Cecilia
    Lucrezia
    Krilù
    Zio Scriba
    Paola
    Adamus
    vi avvolgo tutti in un virtuale ma sincero abbraccio di ringraziamento. Grazie per i vostri bellissimi commenti, grazie per la vostra presenza. Grazie a chi ha voluto rilanciare la lettera contenuta nel post. La giornata della memoria è alle spalle, oggi è un altro giorno. Sicuramente non sono la sola ad avere notato quante siano le "giornate dedicate", nell'arco di un anno...praticamente quasi non passa giorno che non sia dedicato a qualcosa. Dovrebbe fare riflettere. Se abbiamo bisogno di tantie giornate speciale vuol dire che siamo ben lontani da....!E poi in queste occasioni la retorica è sempre in agguato. E il giorno dopo? Si volta pagina. Invece, accidenti, l'intolleranza serpeggia ovunque . Ciò che dichiariamo in queste giornate speciali non è facile tenerlo a mente ogni giorno.
    Grazie ancora a tutti.

    RispondiElimina
  33. Sono di passaggio veloce, bellissimi i commenti dei tuoi amici Sandra, volevo solo dire a Kaishe che sabato 29 su la sette in prima serata andrà in onda la replica del programma di Paolini.
    Un saluto a tutti

    Massimo

    RispondiElimina
  34. I veri valori devono essere trasmessi anche dalle famiglie.In alcuni casi molti genitori,insegnono razzismo e odio verso gli immigrati.Cosa potra mai diventare da grande?Inoltre troppi politici ,usano un linguaggio xenofobo e poi hanno anche il coraggio di rappresentarci.Ti faccio i miei complimenti per il post,molto interessante.Salutoni a presto

    RispondiElimina
  35. Mentre lo leggevo e rileggevo - il testo del preside americano - provavo un brivido, un misto di commozione e di dolore. Di dolore perché è difficile pensare che non accadano più soprusi di un uomo verso un altro uomo. Lo vediamo ogni giorno, in tutto il mondo. Ci siamo sempre consolati o giustificati pensando che è la "ignoranza" cioè la non conoscenza oppure la povertà a produrre i mostri, ma non è così. Quel preside me lo ha ricordato.

    RispondiElimina
  36. Ciao Sandra!Bellissima la lettera con il testo!Vero quanto afferma:far diventare i propri allievi "veri esseri umani" credo sia la piu' grande aspirazione di chi insegna con amore!
    Bello questo post e notevole il cartone animato! Un bacio tua bozzola!

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...