***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

martedì 13 settembre 2011

" NON PERDETEVI D'ANIMO... "

Io, in prima elementare, tanti anni fa. Mi vedete?Se cliccate sulla foto la potete ingrandire.

********
Ci risiamo, è di nuovo settembre. 
Pesto sui tasti di gomma del mio piccì - seduta  al centro di questa stanza straripante di libri - e intanto lo sguardo corre verso destra, "settore-scuola"; corre  ad accarezzare tutti i materiali ( non più tanti in verità, avendone donata la maggior parte ) utilizzati o da me prodotti negli ultimi quarant'anni.
E' di nuovo settembre, ci risiamo.
Da due anni non varco più il portone della scuola il primo giorno di settembre: il giorno del ritrovarsi, del nuovo inizio, per tutti gli insegnanti di scuola elementere ... pardon ... primaria: ora si dice così.
Di nuovo è un fermento di progetti,  confronto, discussione, preoccupazioni ... voglia di rivedere i bimbi o di conoscere quelli "nuovi".
Isomma una gran bella sensazione di vitalità.
Non ho perso i contatti con le colleghe più care e so che tutto è ricominciato. Anche le preoccupazioni per questa nostra scuola pubblica  di tutti e per tutti  tanto bistrattata negli ultimi periodi.
Il mio pensiero va ai bimbi, la vera meraviglia di questo mio mestiere: che possiate crescere con compagni sereni e solidali, con maestri attenti e preparati; va ai genitori: che possiate intraprendere questo nuovo percorso con le giuste aspettative, offrendo fiducia e collaborazione educativa ai maestri dei vostri figli; va ai colleghi: non demordete, tenete duro, studiate, ascoltate, confrontatevi per costruire e migliorare, trovate ancora una volta "... le energie per contribuire a realizzare la scuola che chi cresce meriterebbe..." ...e qui lascio la parola a quello straordinario docente e persona di grande umanità che è Andrea Canevaro - " ... Non perdetevi d’animo: pensate che avete la possibilità di incontrare ogni mattina chi sta crescendo, il mondo di domani. E questo vi convinca che state facendo il più bel lavoro del mondo... " - che  anche quest'anno ha voluto augurare buon anno scolastico alla scuola ed agli insegnanti in particolare. Vale la pena di leggere QUI le sue parole.
Il prossimo fine settimana sarà l'ultimo "di libertà" per gli studenti, almeno qui in Emilia Romagna:lunedì 19 si riprende.
BUON  ANNO  SCUOLA
P.S. : lo scorso anno ,di questi tempi, bambini fanno gli auguri ad altri bambini ... QUI


62 commenti:

  1. anch'io ho fatto questo lavoro, con quelli un po' più grandi, ma per me erano sempre piccoli.
    mi associo al tuo augurio

    RispondiElimina
  2. Provo a indovinare: Sei la penultima in piedi a destra di chi guarda?
    In tutti i casi, bella questa foto! Un po' ti invidio sai? Io le mie le ho smarrite.
    PS Bella la frase di Canevaro.
    Bye&besos

    RispondiElimina
  3. Ciao Nela...no, troppo "ciccia"...ritenta , sarai più fortunata.
    Un indizio: ero magrissima e minuta...la maestra CON LA GRANDE SENSIBILITA' che la distingueva (dovrò farci un post) diceva spesso a mia mamma "ma a questa bimba date da mangiare? ".E non era una battuta tanto per ridere.

    RispondiElimina
  4. che bella....sei la quarta da dx a sedere?...comunque un grosso in bocca al lupo sia per gli studenti che per gli insegnanti di un nuovo anno scolastico che si preannuncia abbastanza impegnativo.
    A Formigine ci sarò, direi che domenica pom nn mancherò....baci.glo

    RispondiElimina
  5. Ciao Sandra!
    Che bello questo post!
    Mi emoziona anche perchè lunedì il bimbo grande comincia la seconda elementare, mentre il bimbo piccolo inizia il 2° anno di materna, ma in una scuola materna nuova.
    Proprio oggi ho incontrato le nuove maestre della materna e mi sembrano delle persone in gamba...chissà se alla fine non sono più emozionata io dei miei bimbi!^____^
    Un bacio.
    Nunzia

    RispondiElimina
  6. Sei la settima da sinistra a sedere? Cara amica , tu rimani sempre insegnante!
    Un bacione e buona serata

    RispondiElimina
  7. Ciao Sandra.

    E' vero!

    Tu rimarrai sempre un splendida insegnante.

    In quanto a quale sei...

    Sai che anche io credo tu sia la quarta a destra della foto seduta?

    Possibile?

    Un abbraccio e splendida settimana. NI

    RispondiElimina
  8. Ciao Gloria ..ci vediamo a Formigine, allora. Speriamo che il caldo allenti la resa, però!
    Non sono quella...mi spiace. Accipicchia pensavo fosse più facile...

    RispondiElimina
  9. Ciao Nunzia, lo sono: i genitori sono sempre molto emozionati...me lo ricordo come maestra e come mamma!In bocca al lupo a tutti voi, allora.

    RispondiElimina
  10. Grazie Cati...!
    Non sono quella bimbetta lì che dici tu...però capisco che non è facile.

    RispondiElimina
  11. Ni, grazie!!
    Penso che tu abbia indicato quella facciotta bella tonda percché mi conosci come sono ora...ih...ih...ih...non proprio un fuscello!No, non sono quella...
    :O)
    Dai, prima o poi qualcuno ci becca....

    RispondiElimina
  12. Anch'io, come te, ho svolto, anche se con giovanotti e signorine, questo magnifico lavoro. Ed invito gli studenti di oggi ad impegnarsi, ad approfondire sempre le proprie conoscenze.
    Sei in prima fila, la prima a sinistra?
    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  13. All'inizio cercavo una biondina, ma non ne trovavo di somiglianti a te, poi però ho visto una morettina che secondo me ha la tua espressione: la terza da sinistra in seconda fila. Grazie per questo augurio di buon inizio scolastico Sandra, da lunedì anch'io, borsa strapiena di fogli e libri mi avvierò verso la scuola...sapessi quale sarei anche più felice, ma il mio lavoro è così: fino all'ultimo c'è suspense...Canevaro l'ho conosciuto tanti anni fa, perchè ho dato un'esame con lui, è veramente come dici una persona di grande umanità. Ciao, ti auguro una buona settimana!

    RispondiElimina
  14. Mi hai emozionata fortemente, Sandra!

    RispondiElimina
  15. Ciao Sandra ,un in bocca al lupo a tutti gli insegnanti e agli studenti.Buona giornata

    RispondiElimina
  16. Bellissima questa foto,l'ho uguale della mia prima elementare,chiaramente nel mio caso tutti maschi:-)
    Sei la terza in piedi da sinistra??

    RispondiElimina
  17. La prima a sinistra tra quelle sedute?.
    Non rammaricarti, chissà quanti bimbi,ormai cresciuti, ti ricordano con gratitudine e affetto
    ed è questo che deve sempre farti sorridere.
    Cristiana


    ps.Dovevi essere di una simpatia!

    RispondiElimina
  18. Hi Sandra,

    I think you are the little girl in the front row from right to left the 4 th one.
    Hope you have a great school year!
    Hugs

    RispondiElimina
  19. Ciao Maestra,

    qui in Friuli le scuolo sono iniziate lunedì, il nostro futuro con gli zainetti in spalla si è incamminato verso questo nuovo anno scolastico.
    Buon anno a tutti gli studenti ed agli insegnanti.

    RispondiElimina
  20. Sei la prima seduta a sinistra!

    RispondiElimina
  21. Carina la Sandra! Da noi hanno già iniziato ma non hanno voglia...fa ancora caldo...

    RispondiElimina
  22. Un dolcissimo a m'arcord!
    Non riesco a identificarti nella foto. Ma come faccio? E' passato qualche annetto!

    RispondiElimina
  23. è molto bello questo ricordare... è molto dolce...

    RispondiElimina
  24. I tempi cambiano.....
    Quando andavo a scuola io, le classi erano miste...mi hai fatto venire voglia di ricercare le foto di quel periodo....

    Ma tu sei la quarta bimba seduta da sx ?
    ciao

    RispondiElimina
  25. ...GRAZIEEEEEEEEEEEEE !!!!!
    ciao Maestra

    ...ma i bambini sono sempre bambini..........

    RispondiElimina
  26. sei la seconda seduta da destra: è evidente!!!
    Quanti ricordi...

    RispondiElimina
  27. ciao Sandra... grazie per questi pensieri di speranza e di incoraggiamento! Ne abbiamo tutti bisogno!!! ora vado a cercarti nella foto!!!

    RispondiElimina
  28. Erika hai ragione...invito molto saggio!

    RispondiElimina
  29. Ninfa buon anno scolastico! Ho visto la bellissima nuova "creatura" nel tuo ultimo post...ieri avevo poco tempo ma oggi torno e vedo di realizzare quella meraviglia per il mio nipotino!

    RispondiElimina
  30. Buonissima giornta a te , Erborista1. Grazie

    RispondiElimina
  31. Ciao Franz, ho ricevuto oggi il tuo acquarello...è già pubblicato su "Quattro passi..." e pubblicizzato qui in homepage nella colonna di destra. Io ho spedito questa mattina. GRAZIEEEEEE

    RispondiElimina
  32. Grazie Cristiana ...cerco di non pensare con troppa nostalgia. D'altra parte non avrei più le energie che spendevo in classe..."ad ogni frutto la sua stagione" recita un proverbio!

    RispondiElimina
  33. Grazie Norma...thank you.
    I'm not there...sorry... take a look at the 2nd line....
    ;O)

    RispondiElimina
  34. Bella, poetica ed azzeccata l'immagine "il nostro futuro con lo zainetto in spalla"...grazie Gabiella!

    RispondiElimina
  35. Laura ...hanno ragione. Ieri aiutavo un ragazzino di 4° a riordinare i compiti estivi: si addormentava sul tavolo...povero!!!

    RispondiElimina
  36. Qualche annetto, sì, Ambra ... ahahahah1

    RispondiElimina
  37. Eccome se cambiano, Simo. Ma i bimbi son sempre ... bimbi!!!

    RispondiElimina
  38. Luigi...mah...eheheheheh!
    I ricordi sono una folla. Ciao.Grazie

    RispondiElimina
  39. Maestra Lauraaaaa...ma...ma...ma comeeeeee??? Tu NON SEI DI RUOLO????
    Non ho parole.

    RispondiElimina
  40. Bene...questo giochino/indovinello è stato messo lì senza pensarci troppo: pensavo - a torto - che mi avreste individuata "al volo".
    Comunque qualcuno, qui sopra, ci è riuscito!!!!!
    Non sono tra le bimbe sedute...sono in piedi.

    RispondiElimina
  41. ... per caso sei la terza in piedi da sinistra?
    Che bella l'esortazione del prof. Canevaro...gli insegnanti fanno un lavoro meraviglioso, ma è veramente tanto difficile non scoraggiarsi a volte... anche a me sarebbe piaciuto, ma penso che, per il carattere che ho, i miei studenti mi avrebbero mangiata viva in poche ore :))
    ciao Sandra... a presto!

    RispondiElimina
  42. e si.. è passato qualche annetto ma fra tutte ti ho riconosciuta subito... sei la più bella... come la tua professione... la più bella del mondo.
    Condivido ogni tua parola... anche io non varco il portone della scuola da due anni... stesse emozioni... stesse riflessioni... faccio miei i tuoi auguri a tutti quelli che ruotano nel mondo della scuola... grandi e piccini.
    Felice serata

    RispondiElimina
  43. Sandra che bello quello che hai scritto, ci sono persone che sono nate per insegnare e tu sei una di quelle. Insegnare è una missione, non è marcare il cartellino di presenza. Mi pare di leggere tra le righe quanto ti manchi il non varcare quella porta, lo capisco.
    Un bacione da Sabrina&Luca

    RispondiElimina
  44. come sempre i tuoi post sono ricchi di ricordi ...e caspita...ma sai che non ho capito quale delle bimbe all'inpiedi sei?
    baci

    RispondiElimina
  45. Grazie anche a Giada,Zicin, Sabrina e Luca, Lucia...per i vostri bellissimi commenti. Sì, un poco di nostalgia c'è.

    RispondiElimina
  46. COMPLIMENTISSIMI a Ninfa che, per prima , mi ha beccata!!!!
    Brava Ninfa!!!

    RispondiElimina
  47. Oggi primo giorno di scuola. Passarono come un sogno quei tre mesi di vacanza in campagna! Mia madre mi condusse questa mattina alla Sezione Baretti a farmi inscrivere per la terza elementare: io pensavo alla campagna e andavo di mala voglia. Tutte le strade brulicavano di ragazzi; le due botteghe di libraio erano affollate di padri e di madri che compravano zaini, cartelle e quaderni, e davanti alla scuola s'accalcava tanta gente che il bidello e la guardia civica duravan fatica a tenere sgombra la porta. Vicino alla porta, mi sentii toccare una spalla: era il mio maestro della seconda, sempre allegro, coi suoi capelli rossi arruffati, che mi disse: – Dunque, Enrico, siamo separati per sempre? –. DE AMICIS

    Mio padre diceva che una maestra lo è per la vita.Credo leggendoti avesse ragione.

    RispondiElimina
  48. ...probabilmente sbaglio..ma punto tutto sulla terza in alto a sinistra..il viso è quello anche il taglio dei capelli..troppo forte!!

    RispondiElimina
  49. come era diversa la mia vita quando andavo a scuola ... quanti ricordi, quante emozioni... la vita cambiava ogni volta che iniziava la scuola, dalle abitudini quotidiane alle frequentazioni sociali...
    ^___________^

    RispondiElimina
  50. L'anno scorso Rita, una mia amica d'infanzia, mi fece vedere una foto simile della nostra classe alle elementari. Ma tra tutti io non c'ero. Mi rimane ancora l'interrogativo: malato o a casa per chissà mai quale motivo.

    RispondiElimina
  51. Vero, Pupottina...ricordo le stesse cose. Sia del periodo (lontano) in cui IO ero l'alunna, si di quell'altro, quando ero la maestra!

    RispondiElimina
  52. Alberto...sicuramente eri a casa malato.Peccato,però.

    RispondiElimina
  53. Non dirmi che hai fatto la prima alle Campori sennò impazzisco !!! Ciao.

    RispondiElimina
  54. Sagge considerazioni sull'onda di bei ricordi!

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...