***************************************************************************************************************************************************************************
*TRADIZIONI*LETTURE*RICORDI*
POESIE*PITTURA E
ARTE
*STORIA E
STORIE*VIAGGI*FOTOGRAFIE*MUSICA*RICETTE*CHIACCHIERE*UMORISMO*RIFLESSIONI*SOGNI E DESIDERI*AFFETTI*PASSIONI ... tutto ciò che rende interessante la vita.
Perché "...sono cortesie minuscole, un fiore, un boccio, un libro, sono loro a deporre i semi del sorriso..." Emily Dickinson
**************************************************************************************************************************************************************************

venerdì 19 novembre 2010

LA PRINCIPESSA AZZURRA

"Una foto, una storia"

Estate 1955
Durante una pausa del suo lavoro di cuoca in un albergo della Riviera Romagnola
la nonna Ernesta si fa fotografare insieme al suo recente acquisto.
*************
     " Il minuscolo appartamento è in penobra e silenzioso.
Precedo la nonna e sento i miei passi sui mattoni rossi che pavimentano il corridoio.
Da destra arriva una fioca lama di luce: la tenda, che di solito scherma la finestra affacciata sulle scale condominiali, è aperta. Questo mi incoraggia a proseguire in quello spazio mai troppo luminoso .
Sono a mio agio tra queste altissime pareti. La casa della nonna profuma di buono, sa di saponetta Palmolive, di lavanda, di brodo di gallina.
"Guarda in camera, c'è una sorpresa ....." e mi appare.  La più grande e bella bambola che abbia mai visto. Sta seduta al centro di un meraviglioso abito azzurro  e nel bel mezzo dell'altissimo lettone; da lì mi tende le braccia, mi sorride " .

Ricordo di essere rimasta immobile sulla soglia della stanza con lo sguardo fisso ed incredulo e ricordo gli occhi ridenti e carezzevoli della nonna Ernesta.
Ora so per  quanto tempo aveva dovuto risparmiare per comprarmi quella bambola che a me sembrò una principessa. 
Ma forse "lo sapevo" anche allora.
La principessa azzurra è ancora con me.
L'abito originale è andato perduto
così come quello del bambolotto Chico

34 commenti:

  1. Anch'io conservo ancora Federica,la prima bambola che parla e cammina che ho avuto in regalo da mio padre :-).
    Grazie Sandrinabella di aver risvegliato bei ricordi ed aver condiviso i tuoi.Un bacio e buongiorno

    RispondiElimina
  2. La storia di un bellissimo ricordo!

    Ciao Sandra!

    Buona giornata!

    Francesco

    RispondiElimina
  3. I ricordi dell'infanzia........che bello ricordare certi momenti così intensi per noi!! Anche io ho ancora le mie 2 bambole che conservo gelosamente.Un abbraccio,Morena

    RispondiElimina
  4. ciao Sandra!! ma che bello questo post, bellissima storia dell'infanzia......io ho tante bambole!!
    le conservo gelosamente, non potrei mai liberarmene.....ti capisco ;)
    ciao e buona giornata!! :)

    RispondiElimina
  5. Io non indugio spesso nel mondo dei ricordi,forse perchè non ho quasi più nessuna di quelle persone con me e di questo soffro, ma il tuo ricordi fa calore in questa giornata di pioggia.Un abbraccio caldo e sincero.

    RispondiElimina
  6. Ciao Sandra! Ma che bel ricordo! Sai che la saponetta Palmolive e il brodo di gallina sono stati comuni a molte nonne! Anche la mia!Quando vado a far la spesa se vedo Palmolive devo annusarla anche se uso altri saponi ,la cerco e, se la compro, la metto in un cassetto!
    La bambola mi sembra che abbia anche una pettinatura piu' attuale o forse mi sbaglio?
    Comunque bellissimo ricordo! Ciao bason nostalgici!

    RispondiElimina
  7. Bellissimo ricordo...stupenda la nonna e stupenda la principessa blu.

    RispondiElimina
  8. Una storia commovente e narata con molta tenerezza...La tua anima di bambina si fa sentire ancora, cara Sandra.

    RispondiElimina
  9. ...molto "forte/bella"...questa storia.


    ...e pensare che mia figlia...ha 100mila bambolotti.:(
    ciao Vania

    RispondiElimina
  10. Per mantenersi ancora così "in salute" la tua bambola-principessa, chissà per quanto tempo Nonna Ernesta ha dovuto risparmiare.

    RispondiElimina
  11. Ciao Sandra anch'io conservo ancora la mia prima bambola si chiama Carlotta e ha i capelli tutti e rossi e ricci !ciao un saluto Chiara

    RispondiElimina
  12. io conservo ancora la mia bambola(simil cicciobello) è un bel ricordo! :-)

    RispondiElimina
  13. Che bella storia, cara Sandra! Lo sai che anch'io conservo la mia prima bambola? Si chiama Franka, ha i capelli veri, mi fu regalata dalla sorella di mia mamma al mio primo compleanno e domani compirà 60 anni.....
    Un abbraccio.
    erika

    RispondiElimina
  14. un bel ricordo all'essenza di profumi antichi che portano alla memoria di tutte noi, attimi immensi.
    Una bambola così bella però non l'ho mai avuta :-(
    ciaooooo Sandra

    RispondiElimina
  15. Morena, fin da piccola ogni tanto apro la scatola delle foto che era di mia mamma.

    RispondiElimina
  16. Un abbraccio anche a te Milena.

    RispondiElimina
  17. Credo che quella saponetta fosse un po' un "fissa" delle nonne...io la ricordo in un incarto di crespa verde con una fascetta lucida. La nonna diceva che faceva "una bella pelle".La bambola ora ha i capelli duri e... come di cartone: una volta, da piccola, le ho fatto lo shampoo! :(
    Buona domenica, Rita.

    RispondiElimina
  18. Era proprio una nonna stupenda, Stella. Due giorni fa, il 18, era il suo compleanno.
    Buon sabato e buona domenica a te.

    RispondiElimina
  19. Grazie Silvia!L'animo fanciullesco può salvare la vita, a volte.
    :)

    RispondiElimina
  20. Grazie Vania. Non dispiacerti per i 100mila bambolotti di tua figlia. E' una cosa bella.
    :O)

    RispondiElimina
  21. Oh, sì, Aldo era molto orgogliosa di quell'acquisto. Pensa che lei percepiva una pensione bassissima, così durante le estati "faceva la stagione" come cuoca in riviera...in questo modo si manteneva per tutto l'inverno successivo.
    Felice notte amico mio.

    RispondiElimina
  22. Ciao Chiara, noto che in moltissime abbiamo ancora le nostre prime bambole!
    Buona domenica.

    RispondiElimina
  23. Debora, quanto mi piaceva Cicciobello...anche se quando è uscito io avevo ormai 13 o 14 anni. Ma mi piaceva tantissimo. Tanto che mio papà me ne regalò uno una decina d'anni fa acquistandolo in un mercatino dei bambini.
    Anche questo è un bel ricordo.

    RispondiElimina
  24. Ma ....BUON COMPLEANNO cara Erika!!! A te e a Franka!!
    :O))))

    RispondiElimina
  25. Carla era davvero bella. Ed era anche uno dei miei pochi giocattoli. Devo ritrovare una foto che mi ritrae con tutti quanti.
    Sai, all'inizio questa bambola potevo solo guardarla "perchè si rovina" e questo divieto è durato per tantissimo tempo. Immagina tu!

    RispondiElimina
  26. Un post dolcissimo e commovente! Spero di vedere al più presto la foto che ti ritrae insieme a tutti i tuoi giocattoli...
    Un abbraccio sincero!

    RispondiElimina
  27. La principessa azzurra era una bambola bellissima. Posso immaginarmi la sorpresa e la gioia di te bambina, ma anche la felicità della tua nonna di poterti fare quello splendido regalo. Mi hai fatto provare un'emozione, una commozione nell'immaginare quello che hai raccontato.

    RispondiElimina
  28. Grazie Mariabei. Alla prossima "una-foto-una-storia" , allora. Buona domenica.

    RispondiElimina
  29. Grazie Ambra. Ora che sono "grande" riesco ad immedesimarmi e capisco quanto fosse grande la gioia di quella donna meravigliosa e semplice che è stata la mia nonna materna.

    RispondiElimina
  30. Sì, Adriano ha lasciato un profonda impronta.

    RispondiElimina

Considerazioni, riflessioni e commenti sono molto graditi. Grazie.

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...